BEAUTY NEWS: Cinque cravatte che ogni uomo dovrebbe avere nel guardaroba

«Dimmi che cravatta porti e ti dirò chi sei», direbbero gli esperti d’etichetta. Perché in base alla fantasia che si sceglie, si trasmette la propria personalità. Oggi, 18 ottobre, si festeggia in tutto il mondo il Cravatta Day, che vuole celebrare il simbolo per eccellenza dello stile e della raffinatezza. Ma quali sono i modelli di cravatte che ogni uomo dovrebbe avere nel proprio guardaroba? Li abbiamo semplificati a cinque, indispensabili e irresistibilmente eleganti.

La cravatta monocolore
È la cravatta preferita dagli avvocati e dei manager. Il motivo? È la più semplice da abbinare sia in fatto di camicie che in fatto di abiti formali. Attenzione però a non diventare troppo monotoni.

La cravatta a pois
Per gli amanti dello stile dandy. Non è la cravatta più semplice da abbinare, visto la fantasia, ma il risultato nello styling complessivo è veramente gradevole. Non è da indossare con camicie multicolor o in fantasia a righe.

La cravatta Regimental
È «la cravatta» per antonomasia. In origine, il nome «regimental» indicava, infatti, l’accessorio indossato al collo dai militari britannici, decorato da righe diagonali, con i colori del reggimento di appartenenza. Assolutamente da provare.

La cravatta Paisley
Dedicata a chi ama osare. È da indossare con camicie in tinta unita e abiti formali classici e rigorosi. Sarà l’accostamento azzardato a rendere frizzante l’intero outfit.

La cravatta a righe
Da non confondere con quella Regimental, questa tipologia di cravatta può essere indossata anche con camicie che non siano a tinta unita. Attenzione però all’accostamento delle nuances, che deve risultare preciso e studiato.