CONTACT US
sitemap


Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال

Visitors:




Si chiamano Fingerlings e sono delle adorabili scimmiette prodotte dall'azienda WowWee che stanno facendo impazzire i bambini di tutto il mondo. Sono dei mini robot interattivi che rispondono agli stimoli sonori e al tocco, arrotolandosi intorno al dito e prendendo vita quando chi li tiene tra le mani glielo glielo chiede.
Continua a leggere


Si chiama KKW Fragrance ed è la collezione di profumi firmata d Kim Kardashian. Si compone di tre differenti fragranze chiamate Crystal Gardenia, Crystal Gardenia Citrus e Crystal Gardenia Oud e di certo diventeranno così richieste in tutto il mondo da registrare il sold-out.
Continua a leggere


Al contrario di quanto si pensa anche gli uomini sono attenti al make up: la maggior parte di essi infatti non sopporta alcuni errori in fatto di trucco. Scopri quali sono i dettagli che non passano inosservati!
Continua a leggere


Pandora, il brand di gioielli componibili più amato nel nostro paese, ha lanciato la nuova collezione natalizia pensata appositamente per le feste. Tra charms scintillanti che riproducono il viso di Babbo Natale, ciondoli fiocco di neve, dettagli in vetro Murano rosso scintillante, i gioielli riescono a evocare la magica atmosfera del Natale.
Continua a leggere


B-Pocket è la nuova borsa disegnata dal Direttore Creativo di Moschino Jeremy Scott. E' decorata con le borchie, è capiente, può essere indossate in tre modi diversi ed è ispirata all'iconica biker jacket: è destinata a diventare una it-bag.
Continua a leggere


Volete sapere qual è il nuovo trend social diventato virale? Quello di ricoprire le smagliature con dei glitter. L'obiettivo è quello di trasformare le imperfezioni in vere e proprie opere d'arte, così da spingere sempre più donne ad accettarsi così come sono.
Continua a leggere


Le ciglia finte sono l'ideale sono un indiscutibile strumento di seduzione: aiutano infatti ad evere uno sguardo intenso e ammaliante. Scopriamo quali sono le principali tipologie, come applicarle e gli errori da non fare per ottenere un risultato perfetto.
Continua a leggere


Michelle Hunziker è una delle protagoniste della seconda puntata del "Maurizio Costanzo Show", che andrà in onda questa sera su Canale 5 alle 23,30. Per l'occasione la svizzera ha sfoggiato un look audace caratterizzato da una camicia trasparentissima, che ha lasciato pochissimo spazio all'immaginazione.
Continua a leggere


Anche quest'anno la rivista People ha stilato la classifica degli uomini più sexy del 2017 e ad aggiudicarsi il primo posto questa volta è stato Blake Shelton. E' un cantante country, ha 41 anni, è uno dei giudici di "The Voice" ed è fidanzato con Gwen Stefani.
Continua a leggere


Francesco Monte è uno degli ospiti della seconda puntata del "Maurizio Costanzo Show", che andrà in onda questa sera alle 23,30 su Canale 5. L'ex fidanzato di Cecilia Rodriguez ha sfoggiato un look inedito: ha infatti detto addio al ciuffo fluente per passare a un taglio di capelli più corto.
Continua a leggere


La principessina Charlotte è la rappresentante della Royal Family che incanta con la sua dolcezza e di recente mamma Kate ha voluto rivelare un'indiscrezione sui suoi gusti. Volete sapere qual è il colore preferito della piccola? Il rosa.
Continua a leggere

In uno scenario di ripresa economica del sistema moda tanto sui mercati stranieri, Asia in testa, quanto in quello europeo e italiano, ” per la prima volta in Italia si registra un segno più nei consumi, come non avveniva da tempo”, Claudio Marenzi, Presidente di Pitti Immagine presenta a Milano, la prossima edizione di Pitti Uomo che si terrà alla Fortezza da Basso di Firenze dal 9 al 12 gennaio. Tema della fiera, che quest’anno giunge alla sua 93esima edizione, il cinema, con gli stili delle varie sezioni interpreti sotto forma di generi diversi e con i padiglioni che si trasformeranno in sale cinematografiche, grazie al layout e alla direzione creativa di Sergio Colantuoni. L’edizione di gennaio vedrà la partecipazione di circa 1.230 espositori di cui 541 dall’estero, con 227 new entry e con ben 600 richieste di partecipazione. Focus di questo nuovo appuntamento il fenomeno dell’athleisure con uno speciale coinvolgimento di Reda, storico lanificio biellese, che per la prima volta partecipa al Salone, con una selezione di collezioni che introducono il loro concept innovativo di athleisure, e che realizzeranno un capo speciale utilizzando tessuti della lineaREDA Active.

Ecco qualche anteprima su quello che succederà:

. Corneliani torna a Pitti Uomo per presentare la nuova collezione nella Sala delle Grotte e la collezione CC Collection Corneliani nella Sala Ottagonale. Un’immersione nell’universo stilistico del brand, in continua evoluzione, che coincide anche con il nuovo corso dell’identità aziendale e il lancio di una innovativa piattaforma digitale;
. la partecipazione di Karl Lagerfeld con la nuova collezione uomo, alla Sala dell’Orologio alle Costruzioni Lorenesi;
. il brand di lifestyle Made in Italy Paul&Shark torna a Pitti Uomo per presentare una nuova visione e la nuova collezione Autunno Inverno 2018-19: il progetto Typhoon, craftsmanship che incontra l’high-tecnology, proposta innovativa sia da un punto di vista di performance tecnologica sia dal punto di vista stilistico, anche grazie alla collaborazione con designer internazionali;
. Birkenstock: rende protagonista il progetto Birkenstock Box, nuovo concept di retail mobile del brand,
. Save the Duck continua la tradizione delle luxury capsule collection lanciando la capsule F/W 2019-19 Dyne for Save The Duck, con il fashion designer newyorkese Christopher Bevans, fondatore di Dyne e vero e proprio talento nel panorama streetwear americano.
. il ritorno al salone di Pepe Jeans London he festeggia il suo 45° anniversario presentando, oltre alla nuova collezione F/W 2018, anche un rivoluzionario processo nel trattamento del denim, vero e proprio “way of life” eco-tecnologico e innovativo.

Tra gli eventi speciali, UNDERCOVER by Jun Takahashi e TAKAHIROMIYASHITATheSoloist. presenteranno a Firenze, in occasione di Pitti Uomo n.93, le loro collezioni uomo per l’Autunno/Inverno 2018-19. I festeggiamenti per i 200 anni di Brooks Brothers, L’International Woolmark Prize con 12 finalisti provenienti da tutto il mondo presenteranno collezioni innovative per valorizzare le potenzialità della lana Merino australiana. E ancora i Tokyo Fashion Awards, e infine Gucci che inaugura il Gucci Garden in Piazza della Signoria, un negozio e un ristorante curato dallo chef Massimo Bottura.



Un capo classico, intramontabile, dalle tante personalità. Il cappotto doppiopetto si declina in svariati modi grazie a forme rivisitate, dettagli come martingala e bottoni, e soprattutto tipi di tessuti utilizzati. Un tempo indossato nelle occasioni più importanti o come segno di autorevolezza e potere, ora si adatta piacevolmente a diversi tipi occasioni. Qui una selezioni di 10 cappotti, 5 diversi stili, e qualche suggerimento per completare l’outfit.

Check. Per uno stile sportivo, scanzonato e disinvolto, ma anche per chi è un vero fashion addicted. Quello di Coach 1941 a quadretti con macro tasche in pelle o il modello in tartan di Stella McCartney sono entrambi oversize. Da indossare con jeans e sneakers così come con una classica derby o Chelsea boots.

Principe di Galles. Sulle tonalità del blu, come nella versione proposta da Massimo Dutti, oppure sul marrone, come in quella di Brunello Cucinelli, questo tipo di pattern ha una forte personalità e risulta quindi Il capospalla perfetto per il business man. Da indossare con l’abito formale e una classica stringata in stile british. Il tocco in più? Un Borsalino in testa.

Stile Militare. Le origini del doppiopetto vengono proprio da questo mondo. Il dettaglio distintivo? I bottoni. Grandi e dorati, come nella versione di Lardini, o bombati effetto anticato, come in quella di Siviglia. Da indossare con anfibi o polacchini e pantaloni di velluto a coste.

Mélange e spigato. Per il tempo libero, perfetto per il week end ma anche per un impegno più formale che si presenta all’improvviso. Paoloni sceglie l’effetto mélange nelle cromie del blu e panna mentre Tagliatore propone la classica lavorazione “chevron”, ossia lo spigato, e utilizza i caratteristici bottoni del loden, in pelle intrecciata. Questo tipo di capo si abbina al denim così come a un chino o un pantalone in fustagno. L’importante in questo caso è scegliere capi e accessori in tinta unita.

Classico. Rigorosamente in tinta unita e dalla linea pulita. Il cammello, come quello di Berluti e il blu, vedi quello di Allegri, le tonalità preferite da sempre. Da abbinare a un dolcevita in cashmere e un pantalone dalla gamba dritta per uno stile minimale e rigoroso, mentre se volete dargli un’aria più giovanile arricchitelo scegliendo accessori come sciarpe e cappelli dalle nuance forti. Per completare il look sì allo zaino sportivo in spalla.



The Barbie doll is inspired by Olympic fencer Ibtihaj Muhammad

Nearly two-thirds of the Australian public voted for same-sex marriage to be legalised. YES.

"We had to learn to fight back, sometimes physically"

She took self love v v literally.

Everyone in the audience was sobbing...

Stivaletti di pitone si o no? Grande dilemma che Kate Moss ha subito risolto sfoggiandoli con un paio di jeans skinny e un maxi maglione di cashmere. A chiudere il look, nessun giacca ma un’ampia sciarpa e i suoi immancabili occhiali over.

Perché avere nell’armadio un paio di stivaletti di pitone?

Sicuramente sono dei boots passe-partout: non sono convenzionali come un modello black e si sporcano meno difficilmente di un paio beige. Possono essere indossati con gonne o pantaloni, mantenendo intatto il loro naturale allure exotic-chic. Non solo: gli stivaletti di pitone sono il giusto compromesso, anche quando si tratta di “stile”. Sì, perché sono più rock con un chiodo di pelle o più bohémien se abbinati a frange e tessuti ricamati.

Da non sottovalutare l’abbinamento della nostra cara Kate Moss che li porta con disinvoltura, in una qualsiasi giornata: nessun red carpet o evento, si stava semplicemente recando a un  pet shop. Qui, gli stivaletti di pitone hanno dato un twist al suo look very casual.

L’unica remora che vi concediamo è sulla questione prezzo, perché il pitone è un pelle molto pregiata e rata. Ma noi vi abbiamo trovato la versione low-cost di Mango. Allora, perché non provare a indossarli? Siamo sicure che non vi pentirete dell’acquisto.

L'articolo Kate Moss ci fa venir voglia di indossare gli stivaletti di pitone sembra essere il primo su Vogue.it.



Dove la moda incontra l’hi-tech e l’innovazione: 14-15 novembre, siamo alla quinta edizione di Decoded Fashion #DFMILAN, summit internazionale organizzato da E-Pitti.com con l’obiettivo di connettere l’industria del fashion con le menti disruptive del digital. L’agenda della due giorni al Talent Garden di via Calabiana è stata davvero serrata con talk, presentazioni e mentoring programmes per favorire lo scambio tra start up e investitori. Si è parlato 1) di come trasformare con le tecnologie più innovative la branding tradition, 2) di come usare il digital per rendere interattiva e unica l’esperienza di fruizione dei siti moda, 3) dei talenti locali nei nuovi mercati del Middle East. Ma anche 4) di come l’hi-tech possa rendere più facile il cammino delle industrie moda verso la sostenibilità.

Per citare i talenti creativi più disruptive, interessante il caso di Awaytomars, un brand brasiliano che nasce da una piattaforma di co-creazione internazionale. Come funziona esattamente? Sul sito una call dedicata e a tema raccoglie le idee dagli utenti, le quali possono essere riprese e rielaborate da altri utenti. Al termine di un periodo stabilito, i 4 designer della piattaforma rielaborano i concept per creare una collezione. La postano sul sito e i capi che vengono più votati vengono messi in produzione.

Un’altra start up story presentata al summit è quella di Lablaco (di cui noi di Vogue vi abbiamo già parlato). Che nella sua versione “Give” è una sorta di “piattaforma democratica” che consente di rimettere in circolo la moda, regalando gli abiti che non usiamo più. Mentre nella versione “Shop”, che ha come finanziatore uno dei fondatori di Net-a-porter, è un sito a metà strada tra l’e-commerce e il social network dove gli utenti hanno una loro pagina con tanto di moodboard e le scelte di stile, e i brand hanno il loro “store” che si sono costruiti in piena autonomia lasciando a Lablaco solo tutti i problemi di logistica.

A chiudere l’evento, come ogni anno, una “startup pitching session” ha visto alternarsi sul palco nuovi talenti tech, cioè quattro nuove iniziative imprenditoriali very digital. Vediamole una per una:

Flow Box
Da Stoccolma una platform visual che consente alle aziende di moda di riutilizzare gli user-generated content, in altre parole le foto postate sui social dagli utenti di tutto il mondo dove siano fotografati e citati i look, nei loro siti web o e-commerce (la cosa è perfettamente legale) per creare un flusso di immagini lifestyle vere e d’ispirazione che possono diventare ulteriori strumenti di vendita.

LookBookHeaven.com
Trasforma i lookbook cartacei in digitali ottimizzandoli in modo particolare per una fruizione da mobile. Brand e professionisti possono caricare foto, video, campagne adv per offrire ai visitatori un’esperienza interattiva, studiata con i migliori criteri di SEO-search engine optimization.

BrandHeroes
Il suo obiettivo è quello di individuare per le aziende i possibili influencer locali trasformandoli in brand ambassador. Con un software basato su una profonda integrazione con la localizzazione di Instagram, BrandHeroes sa identificare gli influencer in un raggio di 10 km. È così che ne hanno già individuato 14mila in ben 140 città, diventando il più grande operatore di marketing in questa nicchia.

Luxferity
Nasce in Svizzera, a Zurigo, ed è una piattaforma social che ha l’obiettivo di connettere i brand del lusso e soprattutto le loro boutique con i clienti luxury per garantire loro un’esperienza shopping in store personalizzata e unica. Facciamo un esempio ipotetico: sono in viaggio a Londra e vorrei fare un acquisto da Burberry. Sul sito trovo il loro store di Regent Street, vedo quali capi sono disponibili, mi informo, prenoto un appuntamento e volendo faccio anche il preorder online. A quel punto la mia visita nella boutique è pianificata, sarò accolta con un bicchiere di champagne e un servizio ineccepibile.

A chi dareste voi il premio della Pitching Session?
La giuria l’ha assegnato a….  Flowbox. Tutti d’accordo?

 

 

 

L'articolo Decoded Fashion Milan 2017: la moda e l’innovazione disruptive sembra essere il primo su Vogue.it.



LINKS © GLOBELIFE.COM CONTACT US