Encyclopedic hair website
Back SITEMAP

Market research in the field of hair fashion | Popular Trend cosmetic field aesthetic beauty | hairdressers marketing

Market Research
Market research in the field of hair fashion ☎. Trend cosmetic field aesthetic beauty.
Cosmetica Italia


TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

La rilevazione congiunturale online di fine 2016, completata nei primi giorni del 2017, evidenzia una situazione stabile rispetto ai precedenti esercizi, segnalando opinioni caute da parte degli operatori intervistati, orientati verso una soddisfacente valutazione del mercato estero, ma ancora preoccupati per la lentezza di alcuni fenomeni del mercato interno.

A fine 2016 il valore della produzione, il sell-in, cresce del 5% per un valore di oltre 10.500 milioni di euro e analoghe crescite sono attese per il 2017: sui fatturati impattano in misura ancora evidente le vendite all’estero, che nel 2016 superano i 4.200 milioni di euro, con un trend positivo di dodici punti percentuali.
L’industria cosmetica conferma una tenuta strutturale migliore di altri settori del sistema Made in Italy anche a livello patrimoniale come conferma il nuovo progetto di analisi dei bilanci proposto in questi giorni.

Anche sul fronte consumi il comparto cosmetico, non esente da profondi mutamenti nelle abitudini di acquisto, conferma l’anticiclicità degli anni recenti. A fine 2016 il valore dei cosmetici comprati in Italia supera i 9.900 milioni di euro, assestandosi in positivo sui valori del precedente esercizio, mentre si registra un calo generalizzato dei volumi.

Le proiezioni per il 2017 confermano trend lineari pur in presenza di qualche rallentamento dei consumi, specie nei canali tradizionali. In ripresa i canali professionali, dopo le pesanti contrazioni degli ultimi anni. Tiene la profumeria, mentre il consumo di cosmetici nelle erboristerie registra rallentamenti. Frenano le vendite nel canale farmacia, così come Il trend della grande distribuzione, mercato in contrazione.

L’indagine del Centro Studi, pur confermando oggettivi elementi di competitività da parte dell’industria, come il costante investimento in ricerca e innovazione e l’ampliamento della capacità produttiva, segnala fenomeni in rallentamento sul mercato interno, frutto sicuramente dalla congiuntura non ancora in crescita, ma soprattutto condizionato dallo spostamento in nuove forme di consumo.

INDUSTRIA

Alla fine del 2016 e nelle previsioni per il 2017 gli operatori intervistati confermano lo sforzo di sostenere le nuove dinamiche dei mercati e le attività promozionali, investendo soprattutto nei riordini e nelle pianificazioni di produzione, benché in lassi temporali ancora ristretti. Anche gli indicatori industriali, investimenti in innovazione in primis, segnano andamenti costantemente in crescita.

I fatturati delle imprese, in un panorama della domanda interna ancora piatto, ricevono segnali importanti dalla ripresa dei canali professionali.

È comunque ancora la componente estera della domanda che consente la crescita dei valori di produzione anche per il 2016: le esportazioni, infatti, segnano un incremento del 12%, per un valore vicino ai 4.300 milioni di euro, che portano il valore dei fatturati a 10.500 milioni di euro, per un trend positivo di cinque punti percentuali.

Migliora in misura evidente la bilancia dei pagamenti che, pur in presenza di importazioni in crescita, tocca i 2.100 milioni di euro, record assoluto per il comparto.

CONSUMI

Il mercato interno registra alla fine del 2016 una crescita dello 0,5% con un valore di 9.900 milioni di euro. Pesano nelle considerazioni delle imprese i cali generalizzati delle quantità nei canali tradizionali mentre si assiste all’inversione di trend nei consumi professionali. In sintesi, è il mass-market a offrire le maggiori preoccupazioni, soprattutto nelle grandi superfici, così come il canale farmacia che segna negli ultimi mesi una brusca frenata, mentre prosegue l’ascesa delle vendite dirette, trainate dall’e-commerce.

Acconciatura professionale

Sembra frenare la diminuzione dei passaggi in salone che da oltre cinque anni ha condizionato negativamente il canale professionale dell’acconciatura. Negli ultimi trimestri si è assistito alla lenta ripresa dei consumi, sia nei servizi che nella rivendita.

Alla fine del 2016 si registra, infatti, una crescita dell'1%; crescita attesa anche per il primo semestre del 2017 grazie all’evidente sforzo di fidelizzazione e rimodulazione dei servizi che alcuni acconciatori stanno avviando, anche con maggiore attenzione alla rivendita.

A fine anno il valore del canale è superiore ai 560 milioni di euro. Prosegue la contrapposizione tra i saloni in grado di avvicinare nuovi consumatori con politiche di promozione, anche attraverso nuove tecniche di social-engagement, e quelli che faticano a rinnovare il servizio, sicuramente perché meno avvezzi alle mutazioni di contatto con la clientela.

Formazione, flessibilità e promozione mirata sono le prime attività di strategia su cui investono le imprese orientate al canale.

Centri estetici

Nell’ultimo anno si assiste alla ripresa delle frequentazioni e quindi dei consumi, grazie alla rivisitazione dell’offerta nei saloni e anche grazie alle nuove forme di servizio nell’area del benessere.

La crescita del 4,2% nel secondo semestre 2016, e la negatività di due punti percentuali nella prima parte del 2016, portano il valore del mercato a 230 milioni di euro.

Da parte delle imprese si segnalano sforzi nell’innovazione e nell’offerta di nuovi prodotti e di attrezzature.

Erboristeria

Il canale “Erboristeria” negli ultimi esercizi ha risentito in misura minore della situazione economica generale e dell’andamento ancora rallentato del mercato cosmetico nel suo complesso. Va tuttavia rilevato che l’Erboristeria è un canale composito, le Erboristerie tradizionali sono in sofferenza. I negozi monomarca delle case che producono e vendono i cosmetici di derivazione naturale, che per tipologia di prodotti sono considerati e rilevati nelle statistiche come Erboristerie, più moderni, meglio gestiti e supportati dalle case produttrici e quindi meglio attrezzati a sostenere la concorrenza di canali più innovativi, hanno registrato un andamento stimato intorno al + 5%.

Da tempo, inoltre, si conferma l’interesse verso tutto il mondo del “naturale e del verde”: i consumatori affezionati ai cosmetici di "derivazione naturale”, cercano questo tipo di prodotti anche in altri canali, soprattutto nella Grande Distribuzione, dove c’è una forte competizione sui prezzi e sulle promozioni, e dove esistono prodotti che il consumatore distingue con difficoltà da quelli venduti in Erboristeria.

Di fatto è in corso una rivisitazione dell’identità del canale che si trasforma in una propensione di consumo e in un’attitudine d’acquisto che danno origine a nuove tipologie di distribuzione.

I preconsuntivi sulla chiusura 2016, relativi a tutte le suddette tipologie di distribuzione, registrano, quindi, un +1,7 % seguito dal +2% delle previsioni per i primi mesi del 2017, con un valore di mercato che supera i 430 milioni di euro.

Farmacia

Dopo anni di trend positivi, superiori alla media del comparto, il consumo di cosmetici in farmacia mostra da alcuni trimestri deboli segnali di difficoltà, legati sicuramente alla rimodulazione delle opzioni di acquisto. Infatti, per il secondo semestre 2016 si registra un mercato piatto e le previsioni d’inizio 2017 non lasciano ottimismo.

Il valore del mercato alla fine dell’anno supera i 1.800 milioni di euro, avvicinando nelle vendite la seconda posizione che la profumeria detiene da oltre 50 anni di storia della cosmetica. Le stime tengono parzialmente conto dell’andamento dell’ultimo trimestre, pesantemente in contrazione, in attesa di misurare il trend di medio periodo.

La differenziazione degli acquisti, legata al fenomeno della multicanalità, le mutate esigenze che i consumatori rivolgono a ogni punto vendita, la fiducia che gli stessi riconoscono al canale farmacia, ai suoi livelli di affidamento, di specializzazione ed alla cura dei servizi accessori, spiegano comunque la generale tenuta del canale.

In futuro occorrerà misurare l’influenza di situazioni esogene, come il nuovo decreto concorrenza che condizionerà il rafforzamento della filiera e il contatto costante tra industria e distribuzione.

Profumeria

Il canale della profumeria ha evidenziato negli ultimi anni andamenti altalenanti, sicuramente più negativi rispetto agli anni d’oro, a cavallo del 2000.

Al di là delle analisi statistiche è forse il canale che più di tutti ha risentito delle trasformazioni dei consumatori e solo grazie all’attenzione ai concetti di selettività che lo caratterizzano, ha potuto tenere le attuali posizioni, anche se il confronto con la farmacia si fa sempre più serrato.

Negli ultimi esercizi, dopo un calo consistente dei valori di mercato, si assiste a una timida ripresa, confermata dal dato di fine 2016, +0,9% e dalla previsione di crescita di un punto percentuale per i primi sei mesi 2017, +1%. Il valore totale del canale si assesta a fine esercizio ai 2.000 milioni di euro, che conferma la profumeria al secondo posto, dopo la grande distribuzione, nelle vendite di cosmetici in Italia, il 20% del totale.

Si assiste ancora alla dicotomia tra la staticità di molte profumerie tradizionali/di vicinato, e le dinamiche di successo da parte non solo delle catene organizzate (e di quelle regionali in generale) ma anche da parte di quelle piccole realtà distributive che hanno saputo evidenziare i concetti di nicchia e di esclusività.

ECOSISTEMA DIGITALE

La presenza e l'interazione delle aziende e tra le aziende sul web rappresenta la naturale evoluzione di un processo più che ventennale, nato come semplice presenza online (sito web statico), cresciuto come interazione web (forum, blog, video) e sviluppatosi poi come interazione attiva (social network, reti partecipative).

Le strategie di sviluppo aziendali nel prossimo futuro si basano sul social-commerce, ossia l'utilizzo strategico dei social media per finalità di vendita e branding si conferma come tema maggiormente segnalato dagli operatori, seguito quest'anno dall'utilizzo della geolocalizzazione per promozioni e offerte (nel 2015 si era imposto in seconda posizione il social data enrichment, cioè l'utilizzo dei dati forniti dagli utenti social per arricchire e integrare i database e i crm aziendali).

Altro strumento ritenuto ancora fondamentale per le aziende sono le app, possibilmente dedicate e utilizzate per comunicare direttamente con le aziende.

Ad oggi, risulta invece non altrettanto importante per le aziende intervistate la presenza su marketplace (sia "asiatici" che verticali di settore), e l'utilizzo di dinamiche di gamificazione, segnalate in maniera cumulativa dal 13% degli imprenditori.

In seconda istanza, COSMETICA ITALIA ha verificato l'utilizzo dei social b2b (business to business) da parte delle aziende nel 2016, confrontandoli con i dati 2015. Poco marcate le differenze: oltre l'80% degli imprenditori ha confermato di non utilizzare questi importanti mezzi di comunicazione aziendale, a fronte di una sempre maggiore richiesta internazionale di standing online multipiattaforma; emergono come principali fattori premianti e attesi dall'utilizzo del b2b digitale la comunicazione e lo sviluppo del brand, la ricerca di nuovi clienti, distributori e mercati, oltre che una più snella gestione delle vendite.

GLOBELIFE Group

©2017 Globelife.com All rights reserved