BEAUTY NEWS

Capelli e colore: a chi sta bene il degradé?

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine ...

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

Considerato che il nuovo mantra beauty, da qualche stagione e per più ambiti, dai capelli, al make up allo skin care, è la luminosità, non dovrebbe il stupire il costante successo di una tecnica di colorazione per capelli creata parecchio tempo fa ma che gode ancora di ottimi favori. Si tratta del degradé, che consiste nel conferire alla chioma luminosità agendo con schiariture verticali naturali e luminose per cui il risultato finale sono punte più chiare rispetto alla radice, seppur in maniera delicata, senza stacchi netti. Il parrucchiere, infatti, agisce su ciocche di capelli sottili andando a creare delle zone di luce che poi si fonderanno nella chioma grazie a un riflessante. Meno invasivo rispetto ad altre tecniche perché non prevede l’utilizzo di ammoniaca, mescola luci e ombre, ovvero colori chiari e scuri, lasciando un effetto naturale perché il punto di partenza è sempre il colore di base.

cdc_2017_18_fw_campaign_aurora_35346

DEGRADÉ PER MORE, CASTANE E BIONDE

Il degradé è infatti una tecnica che può essere realizzata su qualunque colore: sui capelli scuri e sul biondo, passando dal castano al rosso. Perfetto sia per le giovanissime che si avvicinano per la prima volta alla colorazione che per le donne più mature che devono coprire dei capelli bianchi, è una tecnica consigliata a chi desidera cambiare senza stravolgere il proprio aspetto e con facilità. In particolare, se si hanno i capelli scuri allora ci si può sbizzarrire con i castani, da quelle intense del cioccolato e del castagna al nocciola. – La base scura si sposa bene anche con i rossi, dal ciliegia al rame. – Su una base più chiara, invece, dal castano al biondo, si può scegliere il degradé per dare più luce alla chioma e al volto. – Per le bionde l’ideale sono le tonalità biondo miele e cenere, mentre il dorato e i riflessi rossicci sono l’ideale per chi desidera un biondo tendente al rame. Se proprio si vuole osare, si può optare per il platino.

collage-sito_n°1

RISULTATO SICURO

Una delle caratteristiche del degradé rispetto ad altre tecniche di colorazione, dicevamo, è la sicurezza, poiché non essendo contemplato l’utilizzo di ammoniaca per schiarire, il capello non ne esce sfruttato. Esiste una tecnica, in particolare, chiamata Degradé Conseil che rappresenta un metodo innovativo poiché il colore viene applicato sui capelli in maniera verticale, rispettando così la naturale crescita del capello e lo sviluppo naturale delle cromie. Degradé Conseil permette al professionista di scurire, schiarire, tonalizzare, lucidare, coprire fino al cento per cento di capelli bianchi e di ristrutturare i capelli mentre li colora poiché i prodotti utilizzati sono studiati per rafforzare e proteggere in fase di colorazione e consentono di schiarire il capello senza danneggiarne la struttura e renderlo addirittura più corposo.

L'articolo Capelli e colore: a chi sta bene il degradé? sembra essere il primo su Glamour.it.


+

privacy policy