BEAUTY NEWS

Addio a Stephen Hawking

“Siamo solo una razza avanzata di scimmie su un pianeta minore di una stella di media grandezza. Ma possiamo capire l’universo. E questo ci rende molto speciali”. È morto oggi, all’età di 76 anni, l’astrofisi ...

“Siamo solo una razza avanzata di scimmie su un pianeta minore di una stella di media grandezza. Ma possiamo capire l’universo. E questo ci rende molto speciali”. È morto oggi, all’età di 76 anni, l’astrofisico Stephen Hawking. A dare l’annuncio della scomparsa un portavoce della famiglia. “Siamo profondamente rattristati per la morte oggi del nostro padre adorato. È stato un grandissimo scienziato e un uomo straordinario. I suoi lavori vivranno ancora per molti anni dopo la sua scomparsa”. “Il suo coraggio e la sua perseveranza, insieme al suo essere brillante e al suo umorismo, hanno ispirato persone in tutto il mondo”, hanno scritto Lucy, Robert e Tim, i figli dello scienziato.

Tra i tanti studi che l’astrofisico ha portato avanti, il più noto è quello sulla nascita dell’Universo. Sue anche le teorie sui buchi neri, sulla cosmologia quantistica, sul multiverso, sulla formazione ed evoluzione galattica e sull’inflazione cosmica. Non solo uno scienziato ma anche un grande divulgatore che grazie alla chiarezza delle sue teorie e la sua capacità espositiva è riuscito a raggiungere il vasto pubblico.

Colpito dalla SLA diagnosticatagli nel 1963, Hakwing non ha mai smesso di lottare per la scienza conservando anche un pungente spirito umoristico cosa che l’ha reso uno degli uomini di scienza più popolari al mondo ispirando, con la sua vita, la pellicola “La Teoria del Tutto” che portò Eddie Redmayne a vincere, tra i tanti premi, anche un Oscar per l’interpretazione che fece dello scienziato.

Un luto enorme per la comunità scientifica e per l’umanità che perde il suo più alto esempio del trionfo della mente sul corpo e sulle difficoltà, apparentemente insuperabili, della vita.

L'articolo Addio a Stephen Hawking sembra essere il primo su Vogue.it.


+

X

privacy