BEAUTY NEWS

Torino Outlet Village, il lusso è accessibile

C’era una volta il lusso inavvicinabile dai più. C’era, perché da un anno a questa parte, è sorto a Settimo Torinese il Torino Outlet Village e il lusso sta prendendo un’unica connotazione: raggiungibile. Il Torino O ...

C’era una volta il lusso inavvicinabile dai più. C’era, perché da un anno a questa parte, è sorto a Settimo Torinese il Torino Outlet Village e il lusso sta prendendo un’unica connotazione: raggiungibile. Il Torino Outlet Village festeggia un anno di vita. Progettato dall’architetto italiano Claudio Silvestrin, l’outlet – a soli quindici minuti dal centro della città di Torino – si sviluppa su una superficie di 20mila metri quadri con 90 negozi delle migliori marche d’alta gamma: Armani, Frankie Morello, Dsquared2, Jim Sander, Isaia, Antony Morato, Trussardi, Jacob Cohen e marchi davvero molto molto luxury. Il Torino Outlet Village rappresenta la piazza ideale dei fashion addicted. Uno spazio urbano concentrato, dall’architettura rilassante, con negozi d’alta gamma dal layout molto curato, personale preparato e soprattutto gentile. Un esempio a cui molte piazze italiane e i loro negozi-fisici (anche storici) dovrebbero ispirarsi per riavvicinare una clientela sempre più rapita dall’online.

[Leggi anche 10 miti da sfatare sul rapporto tra uomini e shopping]

Per un’esperienza di shopping allineata al profilo dei marchi e al contesto, sono stati previsti servizi esclusivi riservati alla clientela dell’Outlet Village: dal valet parking alla possibilità di consultare un personal shopper, dalla spedizione a domicilio degli acquisti all’handsfree shopping per godere dello shopping senza l’ingombro degli acquisti effettuati. L’idea è di trasformare la scelta d’acquisto in una lifestyle experience. A questo proposito Arcus Real Estate, il gestore dello spazio outlet, ha riservato una particolare cura nella scelta delle aree ristoro: da L’Hamburgheria Eataly alla cucina mediterranea di Casa Angelesi, dalle ricette accurate di Italia Gourmet al cioccolato Venchi. Così, Torino Outlet village diventa un 3°luogo, informale, diverso dalla casa e dall’ufficio (dove si effettuano gli acquisti online), creato per fornire alle persone diversi motivi per visite regolari e per soffermarsi a lungo al suo interno.

[Leggi anche Boggi Milano vince il Reta Awards]


+

X

privacy