BEAUTY NEWS

10 errori che rovinano le unghie

C’è il verde menta e quello oliva, l’intramontabile rosa, ma anche l’azzurro, il giallo e il fucsia. La nail art per la primavera 2018 invita a osare, non solo con manicure monocolore, ma anche con unghie arcobaleno  ...

C’è il verde menta e quello oliva, l’intramontabile rosa, ma anche l’azzurro, il giallo e il fucsia. La nail art per la primavera 2018 invita a osare, non solo con manicure monocolore, ma anche con unghie arcobaleno (come Gigi Hadid) o decorate con motivi floreali, geometrici, astratti o psichedelici. C’è solo una premessa da fare: più le unghie sono “pazze”, più devono essere sane. Per averle curate, di seguito i 10 errori da evitare:

Mangiare male Una sana alimentazione, a base di verdure verdi, aiuta la salute delle unghie. In particolare, nella dieta pro-unghie devono rientrare calcio, magnesio, vitamine A, B e C, minerali, acidi grassi Omega 3, zinco, biotina e antiossidanti. Dove non arriva la cucina arrivano gli integratori specifici, come Ultiboost Capelli Pelle Unghie di Swisse e Phytophanère di Phyto, entrambi a a base di biotina, zinco e vitamina B6, che stimola la produzione di cisteina, componente della cheratina.

Da sinistra: Ultiboost Capelli Pelle Unghie di Swisse e Phytophanère di Phyto

Da sinistra: Ultiboost Capelli Pelle Unghie di Swisse e Phytophanère di Phyto

 

Tenere sempre lo smalto Il problema principale di non lasciare mai l’unghia senza smalto è che costringe a usare troppo spesso il solvente che, se è a base di acetone, disidrata l’unghia. Inoltre, avere le unghie laccate 365 giorni all’anno può comportare una penetrazione dei pigmenti colorati che finisce per ingiallirle. Una pausa di una o due settimane tra una nail art e l’altra è sempre consigliabile. giphy

Usare l’acetone troppo (e male) Non è dannoso in sé, ma alla lunga disidrata lâunghia perché rimuove parzialmente anche l’acqua e i suoi oli naturali. Se si usa lo smalto spesso è meglio scegliere solventi senza acetone. Anche il modo in cui si usano conta: dopo aver messo qualche goccia su un dischetto, bisogna pressa sull’unghia per qualche secondo e poi rimuovere dolcemente lo smalto spingendo dall’interno verso l’esterno. Nella foto, tre solventi senza acetone in tre diversi formati: Paris Atelier Nail Polish Remover di & Other Stories, Nail Polish Remover Wipes di Kiko e Bain Dissolvent Express di Sephora.

Da sinistra: Paris Atelier Nail Polish Remover di & Other Stories, Nail Polish Remover Wipes di Kiko e Bain Dissolvent Express di Sephora.

Paris Atelier Nail Polish Remover di & Other Stories, Nail Polish Remover Wipes di Kiko e Bain Dissolvent Express di Sephora

Togliere lo smalto con le dita Il peel-off, che ricorda i giochi dei bambini con la colla Vinavil, è sempre molto soddisfacente ma fatto con lo smalto è altrettanto dannoso: insieme alla smalto si rimuove anche lo strato più superficiale di lamina ungueale; molto male.

Tagliare le unghie con le forbici Unghie e tagliaunghie creano crepe, fessure e ferite praticamente invisibili che però possono portare a desquamazioni e rotture. Per accorciarle è meglio usare la lima, oppure tagliarle un po’ più lunghe di come si vogliono e poi limarle. Gatto_si_lima_le_unghie

Mangiare le unghie Oltre a renderle seghettate, mangiare le unghie è dannoso sia per la propria salute, a causa dei germi che dalle mani si portano alla bocca, sia per quella delle unghie: la saliva infatti le mantiene umide rendendole più fragili e inclini a spezzarsi.

Tagliare le cuticole Le cuticole hanno il compito di proteggere l’unghia da germi e batteri e non vanno mai tagliate. Si possono rimuovere le pellicine, senza andare troppo alla radice, e trattarle con lozioni ammoribdenti, per poi spingerle verso il basso rimuovendo i pezzi di pelle morta.

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

Abusare di gel, acrilici e semipermanenti  Il problema non è legato al tipo di smalti – anche se ripetute colate di gel possono indebolire l’unghia – ma piuttosto all’uso regolare di lampade a raggi Uv (dannosi come le lampade abbronzanti), alla necessità di lucidare l’unghia e limarla prima di applicare lo smalto – rendendo la lamina più sottile e più incline a spezzarsi – e infine alle immersioni nell’acetone necessarie per rimuovere questi smalti.

Non usare base e top coat La base, oltre a prolungare la manicure, evita che i pigmenti dello smalto vengano assorbiti dall’unghia, cambiandone anche il colore. Il top coat invece riduce il rischio che lo smalti si scheggi, rimuovendo così anche strati di unghia insieme allo smalto.

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

Tenere le unghie ammollo e a contatto con i saponi Il costante contatto con l’acqua, ma anche con i saponi più aggressivi (come i detersivi o alcuni shampoo), indebolisce l’unghia perché le sue cellule non fanno altro che contrarsi ed espandersi, assorbendola e poi diffondendola. Usare i guanti per lavare i piatti è una buona abitudine, così come usare oli ammorbidenti per cuticole: l’olio impiega più tempo dell’acqua a penetrare nella lamina ungueale, ma idrata di più e più a lungo.

 

L'articolo 10 errori che rovinano le unghie sembra essere il primo su Glamour.it.


+

X

privacy