BEAUTY NEWS

Come abbronzarsi velocemente, le otto regole d’oro

Testo Roberta Lister Ne abbiamo fatta di strada dagli anni Ottanta quando un’abbronzatura super-intensa color mogano era considerata il massimo della bellezza per una donna con la carnagione chiara. E se oggi siamo tutti molto più attent ...

Testo Roberta Lister

Ne abbiamo fatta di strada dagli anni Ottanta quando un’abbronzatura super-intensa color mogano era considerata il massimo della bellezza per una donna con la carnagione chiara. E se oggi siamo tutti molto più attenti ad abbronzarci in modo sicuro, va detto che un colorito sano e ambrato è un vero toccasana per l’autostima.

Se si vuole ottenere un’abbronzatura naturale in modo veloce senza nuocere alla pelle, sono vari i fattori da tenere in considerazione. Ecco gli otto comandamenti dell’abbronzatura da seguire quest’estate che Vogue ha riassunto per voi.

MAI DIMENTICARE LA PROTEZIONE SOLARE Credere che una crema solare con un SPF basso aiuti ad abbronzarsi è sbagliato: mai e poi mai si deve rinunciare alla protezione solare solo per ottenere un’abbronzatura più intensa. Anche se non siete facili alle scottature, i raggi solari possono causare tumori alla pelle e invecchiamento precoce. Olio abbronzante senza SPF? Non pensateci nemmeno. Il dermatologo Marko Lens raccomanda di utilizzare un filtro solare SPF30 ad ampio spettro e una protezione contro i raggi UVA a 5 stelle per essere sicuri di tenere a bada sia i raggi UVA che quelli UVB. «La quantità di prodotto giusta da usare equivale a un cucchiaino da tè per viso e collo, e deve essere riapplicato ogni due ore quando si sta al sole», consiglia il medico.

IL MOMENTO GIUSTO:  LE ORE MIGLIORI PER ABBRONZARSI I raggi del sole sono più intensi fra le 10 del mattino e le 4 del pomeriggio, quindi bisogna stare attenti a non esporsi troppo a lungo in quelle ore. Questo non significa che non si debba usare la protezione solare al di fuori di questo orario: la pelle deve essere protetta sempre quando si sta all’aria aperta.

INTEGRATORI: FACCIAMO ATTENZIONE Oggi in commercio c’è un’ampia offerta di integratori che promettono di stimolare le capacità naturali della pelle di abbronzarsi, ma la loro efficacia non è supportata da sufficienti ricerche scientifiche. Va detto, però, che mangiare frutta e verdura ricche di betacarotene possono aiutare ad abbronzarsi senza scottarsi. «Sempre più studi dimostrano che assumere betacarotene con il cibo può proteggere la pelle dai raggi UV dannosi», afferma il dottor Lens. «Il betacarotene è un ottimo antiossidante che combatte i radicali liberi e diminuisce lo stress ossidativo della pelle, limitando così i danni causati dai raggi UV». Aumentate la quantità di beta carotene introducendo nel vostro regime alimentare  peperoni, melone cantalupo, carote e verdure a foglia verde come il cavolo riccio e gli spinaci.

COME USARE AL MEGLIO L’AUTOABBRONZANTE Il modo più veloce di ottenere una tintarella luminosa? Con l’autoabbronzante. La vostra pelle fra qualche anno vi ringrazierà, e poi va detto che oggi i migliori prodotti autoabbronzanti non hanno nulla a che vedere con le formule poco affidabili del passato, quelle che lasciavano la pelle striata, e che oggi esistono ottime alternative, dalle creme alle mousse, dagli spray alle formule a base di acqua. Secondo l’esperto di abbronzatura James Harknett, il segreto per ottenere un’abbronzatura artificiale sta tutto nella fase preparatoria. «Cercate di non usare lozioni o olii troppo ricchi nei giorni precedenti l’abbronzatura, perché possono formare una barriera sulla pelle», afferma. «Bisognerebbe poi esfoliare la pelle il giorno prima, per dare il tempo alla pelle di rinnovarsi e per far sì che l’ingrediente abbronzante, il DHA, si attivi in modo uniforme. Infine, bisogna sempre fare una doccia fredda prima di applicare il prodotto, perché se la pelle è calda si può avere un effetto “a chiazze”». La regola principale di Harknett quando si usa l’autoabbronzante? Non mettere mai troppo prodotto sul viso. «Se la pelle del viso è troppo scura e matte, si capirà subito che l’abbronzatura è finta. È importante restare se stessi! Iniziate con un siero come il Coconut Tanning Serum di Fake Bake, e create a poco a poco un colorito leggero».

RIVOLGETEVI AGLI ESPERTI (PER UN’ABBRONZATURA SPRAY) Se preferite affidarvi agli esperti per la vostra tintarella artificiale, Harknett raccomanda di prenotare un appuntamento in salone per un’abbronzatura spray uno o due giorni prima di partire. «L’importante è aspettare 8 ore, il tempo che serve al prodotto per attivarsi, e poi si può sciacquare il “colore guida” per sentirsi luminosi e radiosi quando si arriva a destinazione nelle località più calde».

PROVATE IL BODY MAKE-UP Un po’ di prodotto illuminante nei punti giusti può far sembrare gambe e braccia più lunghe e accentuare un’abbronzatura naturale: le linee beauty di quest’estate che si ispirano agli anni ’90 offrono moltissime alternative. Per esempio, si può passare un po’ di olio per il corpo dai riflessi gold come il Body Lava di Fenty Beauty nella nuance Brown Sugar sulle clavicole e lungo le gambe per ottenere quel tipo di luminosità che si usava in quegli anni.

ALLA LARGA DAI LETTINI SOLARI Certo, il lettino solare può essere la soluzione super veloce per ottenere la tanto agognata tintarella, ma deve essere evitato a ogni costo. «Non c’è nessun dubbio al riguardo, i lettini solari contribuiscono all’invecchiamento precoce della pelle», avverte il dottor Lens. «Inoltre, cosa ancor più preoccupante, è ormai comprovato che l’uso dei lettini solari è associato a un aumento del rischio di tumori alla pelle, in particolare il carcinoma basocelluare o basalioma  [il tipo di tumore più frequente]», spiega.

IDRATARE, IDRATARE, IDRATARE Idratare la pelle dall’interno è fondamentale per mantenere la pelle elastica e prolungare l’effetto della tintarella. Bevete molta acqua, specialmente se siete a contatto diretto con i raggi solari, per evitare la disidratazione, che può nuocere gravemente, e usate una crema idratante molto ricca per nutrire la pelle inaridita dal sole ed evitare che si spelli.

15 nuovi autoabbronzanti da provare

15 photosView Gallery

+

X

privacy