BEAUTY NEWS

Sulla mia pelle. Gli ultimi sette giorni di Stefano Cucchi

Vicenda di cronaca, vicenda umana, caso giudiziario e caso politico. Sulla mia pelle di Alessio Cremonini è la storia di Stefano Cucchi, morto il 22 ottobre 2009 dopo 7 giorni dall’arresto, e ancora oggi al centro di un’inchiesta che n ...

Vicenda di cronaca, vicenda umana, caso giudiziario e caso politico. Sulla mia pelle di Alessio Cremonini è la storia di Stefano Cucchi, morto il 22 ottobre 2009 dopo 7 giorni dall’arresto, e ancora oggi al centro di un’inchiesta che non sembra poter dire l’ultima parola su quanto accaduto. “Nei sette giorni che vanno dall’arresto alla morte” spiega Cremonini, “Stefano Cucchi viene a contatto con 140 persone fra carabinieri, giudici, agenti di polizia penitenziaria, medici, infermieri e in pochi, pochissimi, hanno intuito il dramma che stava vivendo”.

Il film, accolto con favore e commozione dal pubblico della Biennale, racconta gli ultimi giorni di vita del giovane romano interpretato da Alessandro Borghi (Napoli Velata, Fortunata) che ha dovuto perdere 18 kg per adeguare il suo corpo a quello martoriato di Cucchi. Jasmine Trinca (The Gunman, Nessuno si salva da solo) affianca Borghi nel ruolo di Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, colei che più di tutti si è battuta per giungere alla verità e ottenere giustizia per il fratello.

Cremonini definisce lo stile del film “francescano” perché cerca di mettere al riparo la storia dalle polemiche a favore dell’empatia dello spettatore, ricercando gli elementi essenziali e una possibile per quanto difficile oggettività che ha rincorso anche studiando le 10.000 pagine di verbali dell’inchiesta. Parlando del lavoro svolto per la costruzione della sceneggiatura e del personaggio, Cremonini ha spiegato che il film “nasce dal desiderio di strappare Stefano alla drammatica fissità delle terribili foto che tutti noi conosciamo, quelle che lo ritraggono morto sul lettino autoptico, e ridargli vita. Movimento. Parola. Sulla mia pelle, tra le varie cose, è modo di battere, di opporsi alla più grande delle ingiustizie: il silenzio”.

 

Monica Baroni.

L'articolo Sulla mia pelle. Gli ultimi sette giorni di Stefano Cucchi sembra essere il primo su Vogue.it.


+

X

privacy