BEAUTY NEWS

Niko Romito apre al Bulgari Hotel di Milano

Niko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNi ...

Niko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel MilanoNiko Romito @ Bulgari Hotel Milano

Milano ha un nuovo indirizzo gourmet: il Ristorante Niko Romito al Bvlgari Hotel Milano. La location è nota: aperto nel 2004, l’hotel di via Fratelli Gabba – con il suo strepitoso giardino a due passi dal Quadrilatero della moda – è uno dei luoghi più amati da milanesi e non. Lo chef è altrettanto noto: abruzzese, tre stelle Michelin al ristorante Reale di Castel di Sangro, in provincia dell’Aquila, 36simo tra i World’s San Pellegrino 50 Best Restaurants, in città gestisce già due locali di successo, Spazio Milano, al quarto piano del Mercato del Duomo e Bomba, in Porta Nuova, dove propone la sua ricetta originale della bomba fritta con ripieno dolce e salato.

Al ristorante del Bvlgari chef Niko presenta un concept innovativo, frutto di due anni di studio sulle tecniche e gli ingredienti della cucina tradizionale italiana. Un format già sperimentato nell’ultimo anno in altri tre hotel Bvlgari di nuova apertura: Pechino, Shanghai e Dubai. «Abbiamo lavorato per offrire grandi classici della nostra tradizione – non solo in termini di ingredienti e ricette, ma anche di presentazione e servizio – reinterpretandoli, sempre in modo filologicamente corretto. Un grande tour gastronomico del meglio della cucina italiana. Un’esperienza esclusiva e assoluta di ciò che è per me la cucina italiana oggi». Il ristorante milanese, aperto in sordina il 27 agosto, è stato salutato dall’entusiasmo dei milanesi, curiosi di provare questa nuova versione della cucina tristellata di Romito in una location unica. L’11 settembre l’inaugurazione, con il primo evento ufficiale. A dare il via alla serata, l’Antipasto all’Italiana (servito per l’occasione come aperitivo in giardino), che racchiude in un piatto le specialità di tutte le regioni italiane: dalla pasta fritta alla bruschetta al pomodoro, dal vitello tonnato al pane e ragù e così via, in un viaggio tra i sapori della Penisola. La cena è proseguita a tavola con l’Assoluto di brodo, un concentrato di verdure purissimo, senza aggiunta di acqua, ma con un goccio di champagne (ingrediente segreto svelato dal direttore dell’hotel Attilio Marro). Poi sono arrivati gli Spaghetti e pomodoro cucinati a regola d’arte (la salsa è fatta con tre tipi diversi di pomodoro, senza un filo d’olio né di soffritto, ha spiegato lo chef), seguiti da un grande classico della cucina meneghina, la Cotoletta di vitello alla milanese (la ricetta di Niko prevede due giorni di preparazione) servita con un tris di antipasti ultra sofisticati nella loro semplicità: insalatina di pomodori, melanzane deliziosamente affumicate e finocchi in bagna cauda. Al centro del sistema, una grande pagnotta abruzzese: per lo chef, infatti, il pane è l’elemento più importante della tavola. A conclusione di questo straordinario excursus nei sapori più autentici dell’italianità è arrivato il Pane e cioccolato, un dessert che risveglia all’istante i ricordi delle merende d’infanzia a casa della nonna.

Il menu comprende altre ricette “ricodificate” di classici come la Lasagna, i Ravioli di patate con gamberi rossi e seppie e il Tiramisù. La maggior parte dei piatti si ritrova in ciascuno dei quattro ristoranti Bvlgari guidati da Niko Romito (Milano, Pechino, Shanghai e Dubai), ma alcune ricette sono state create esclusivamente per il ristorante italiano, come il Merluzzo con maionese di patate e peperoni, il filetto di Manzo al pepe nero, i Tortelli ricotta e spinaci con burro “manteca”, gli Spaghetti e pomodoro e Pane e cioccolato. Oltre al menu alla carta, si può scegliere un originale “menù condivisione”, che viene realizzato per l’intero tavolo. Resident chef al Bvlgari Hotel di Milano è Claudio Catino, che ha lavorato al fianco dello chef Romito per sviluppare il nuovo progetto gastronomico dedicato agli alberghi della Maison e ha guidato le brigate dei Bvlgari Hotels a Pechino e a Shanghai nei primi mesi dopo le aperture.

«Il cibo è un’esperienza a tutto tondo, che va ben oltre ciò che è nel piatto», sottolinea lo chef. È una questione di atmosfera, attenzione, raffinatezza e soprattutto benessere. Ho voluto riprodurre l’atmosfera dei Bvlgari Hotels anche al Ristorante Niko Romito attraverso una cucina fatta di veri sapori italiani e piatti iconici, con un servizio che incoraggia la convivialità e racconta una storia sul rapporto italiano con il cibo».

L'articolo Niko Romito apre al Bulgari Hotel di Milano sembra essere il primo su Vogue.it.


+

X

privacy