BEAUTY NEWS

Manicure giapponese, brasiliana e french: tecniche e differenze

Può sembrare ironico dirlo, visto che ormai chi vive nelle grandi città dell’Occidente va a fare le unghie solo da manicuriste cinesi, ma tra la manicure occidentale e quella orientale ci sono grandi differenze. In realtà ogni Pae ...

Può sembrare ironico dirlo, visto che ormai chi vive nelle grandi città dell’Occidente va a fare le unghie solo da manicuriste cinesi, ma tra la manicure occidentale e quella orientale ci sono grandi differenze. In realtà ogni Paese ha il suo modo di fare le unghie e in questo momento, accanto alla classica manicure occidentale, le più popolari – anche in Italia – sono tre: la manicure giapponese, quella brasiliana e l’intramontabile french manicure, che probabilmente di francese ha ben poco (la paternità di Chanel è molto discussa mentre è certo che a renderla famosa è stato l’americano Jeff Pink). Di seguito, cosa sono e come fare questi tre diversi tipi di manicure.

MANICURE GIAPPONESE Cos’è: più un trattamento di bellezza per le unghie che una manicure. Ideale per chi ha unghie fragili e stressate, prevede l’uso di particolari lime e prodotti naturali che rinforzano, sbiancano e lucidano l’unghia. Si chiama P-Shine, dal nome del brand nipponico più famoso per questo tipo di manicure. Come si fa: si lima la superficie dell’unghia con apposite lime e si usa un olio vegetale per le cuticole, da rimuovere con un bastoncino d’arancio. A questo punto si applicano, con un massaggio speciale che riattiva la circolazione dell’unghia, delle sostanze naturali quali ginseng, cera d’api, ma anche vitamine, lanolina, pantenolo e glicerina, da rimuovere poi con una lima in camoscio, per far penetrare gli attivi. Tocco finale: polvere a base di perle, calcio e riso a effetto sbiancante.

Instagram @p.shine_russia

Instagram @p.shine_russia

 

MANICURE BRASILIANA Cos’è: non è una vera manicure, ma una tecnica di applicazione dello smalto davvero a prova di principianti. Come si fa: si mette lo smalto pensando a coprire tutta l’unghia ma senza prestare troppa attenzione alle sbavature sulle dita, poi si rimuove il colore in eccesso dalla carne con l’aiuto di un bastoncino di ciliegio avvolto in un po’ di cotone o in un fazzoletto imbevuto di acetone.

Getty Images

Getty Images

 

FRENCH MANICURE Cos’è: una tecnica che prevede di colorare la mezza luna dell’unghia con lo smalto bianco, per accentuarla. Si può fare su ogni forma di unghia, ma non è indicata se la lamina ungueale è corta, perché rende la mano più tozza. Come si fa: a mano libera o con l’uso di specifici adesivi sagomati si traccia tracciate un sorriso di smalto bianco sulla crescita dell’unghia. Una volta asciugato, si puliscono eventuali sbavature con un solvente a pennarello (o il solito bastoncino con un dischetto imbevuto di acetone) e si stende su tutta l’unghia uno strato di smalto trasparente o lattiginoso.

Getty Images

Getty Images

L'articolo Manicure giapponese, brasiliana e french: tecniche e differenze sembra essere il primo su Glamour.it.


+

X

privacy