BEAUTY NEWS

Tutto quello che dovete chiedere al parrucchiere prima di fare il colore

Foto Getty   Al nostro parrucchiere di fiducia raccontiamo i segreti più intimi. L’appuntamento mensile non è una commissione impersonale come trovare il tempo di passare in pausa pranzo a farsi le unghie, ma è un momento di c ...

Foto Getty

Foto Getty

 

Al nostro parrucchiere di fiducia raccontiamo i segreti più intimi. L’appuntamento mensile non è una commissione impersonale come trovare il tempo di passare in pausa pranzo a farsi le unghie, ma è un momento di confidenza in cui riponiamo attesa e aspettative. Da lui ci aspettiamo solo intesa profonda, soprattutto quando si tratta di colore.

Fare la tinta è una operazione che a noi desta sempre un po’ di diffidenza, e all’hairstylist richiede la capacità sovrannaturale di capire quali sono le nostre richieste, che puntualmente esprimiamo malissimo.

Per evitare spiacevoli incomprensioni, abbiamo chiesto a Briana Cisneros, Maroccanoil Global Ambassador, tutto quello che anche voi dovreste domandare al vostro parrucchiere prima di fare il colore per essere certe del risultato senza rovinare i capelli. Insomma, fate copia e incolla per la prossima volta.

Che tipo di colorazione utilizzi? «Principalmente uso Wella Professional Color, anche se dipende da che tipo di colore devo fare. Se si desidera solo un ritocco, la scelta più giusta è una colorazione semi-permanente che dura 28 shampoo, circa un mese se si lavano i capelli tutti i giorni».

Usi qualche prodotto per proteggere i capelli e fare in modo che il colore duri più a lungo? «È importante assicurarsi di preparare i capelli al colore e di curarli dopo. I miei must assoluti sono Moroccanoil ChromaTech PRIME e ChromaTech POST che aiutano a proteggerli e a rafforzarli durante il processo di colorazione. In particolare, CHROMATECH POST è un trattamento da fare in salone che sigilla la cuticola dei capelli per ottenere la massima durata dell’effetto. Contiene la tecnologia COLORLINK ™ esclusiva di Moroccanoil per aiutare a ricostruire la cheratina danneggiata, il tutto mentre forma uno scudo protettivo che minimizza lo sbiadimento. In questo modo, anche se si passa da uno spettro di colore a quello opposto, la fibra capillare rimane integra».

È possibile colorare i capelli ma averli sempre sani e brillanti? «Con un trattamento a base oleosa come Moroccanoil Treatment sì, perché mantiene i capelli colorati sani e pieni di vita, senza appesantirli. È importante, però, anche proteggerli dal calore prima di fare la piega».

Che tecnica usi per decolorare? «L’unico modo per prevenire la dissolvenza del colore è mantenere in salute i capelli, perché così trattengono i pigmenti più a lungo. Ecco perché è importante usare durante la beauty routine Moroccanoil Color Complete che, con la tecnologia proprietaria COLORLINK ™, ripara continuamente i capelli dall’interno ad ogni lavaggio, aiutando a prolungare la vivacità del colore e allungandogli la vita tra una visita in salone e l’altra. La collezione include anche Moroccanoil Protect & Prevent Spray: un conditioner leave-in da usare tutti i giorni per proteggere i capelli dall’ossidazione e dai danni dei raggi UV».

Per non rovinare i capelli, quanto ci si può spingere con la decolorazione? «I capelli secchi o danneggiati sono quasi sempre la principale limitazione per uno hairstylist quando si cerca di ottenere il massimo livello decolorazione, dal tono più luminoso al biondo più cenere. Se si hanno i capelli scuri, la decolorazione effettuata su una fibra danneggiata può virare a un colore rame o oro, mentre in caso di un biondo non supererà mai la fase del giallo. Per me è fondamentale che le mie clienti utilizzino a casa la linea Moroccanoil Color Complete perché su capelli sani ho molte più possibilità di portare al massimo le loro potenzialità quando li schiarisco, senza comprometterli in nessun modo».

 

 

L'articolo Tutto quello che dovete chiedere al parrucchiere prima di fare il colore sembra essere il primo su Glamour.it.


+

X

privacy