SITEMAP

Il mondo della moda capelli e della bellezza e moda
The world of hair fashion and beauty business
Die professionelle Welt der Haarmode und der Schönheitspflege
Le monde professionnel de la mode cheveux et de la beauté
El mundo profesional de la moda-cabello y de la bellezza
世界上的时尚发型及美容业务
عالم الموضة الشعر والتجارية تجميل
Мир бизнеса моды и красоты волос

produkter för frisörer och show

Encyclopedic hair website
Mentre ti informi
0% played
  • Clicca e guadagna con GLOBElife Scopri di più...
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

17 May 18

facebook-bufale

È tutto falso!

È tutta una grandissima bufala!

Secondo il social network, la quantità di parrucchieri presenti in Italia è 1.242.809, mentre, invece, la CIFRA REALE è decisamente diversa. I parrucchieri, in Italia, sono 89.000 (dati dichiarati dalla Camera di Commercio). Come è possibile, quindi, che Facebook rilevi un numero così alto e così diverso da quello reale?

Forse per far spendere di più chi vuole sponsorizzare un post e targettizzarlo sulla categoria professionale degli hairstylists?

La conclusione è sempre che Facebook dichiara il falso con molta, troppa, leggerezza. Ancora una volta veniamo presi in giro da un Social e nessuno dice niente.

QUANTI SOLDI HA RUBATO E STA RUBANDO AGLI INSERZIONISTI ?

P.s. (È possibile che questi numeri gonfiati siano dovuti a quegli operatori che pur di dichiarare tanti follower li comprano o creano profili falsi..... e Facebook li pubblica tutti e fa credere a tutti quel che più gli conviene !)

16 May 18

Roberto D’Antonio per Valeria Golino

valeria-golino-cannes

Per il photocall di Euforia, Valeria ha sfoggiato la sua chioma naturale ma in una versione più glamour. Roberto ha ripreso qualche riccio con un ferro conico dal diametro ridotto e, successivamente, ha lucidato la chioma.

 

Antonio Leone @Roberto D’Antonio per Valentina Cervi 

valentina-cervi-cannes

Per il photocall di Euforia, Antonio ha creato per Valentina Cervi un raccolto scomposto caratterizzato da ciuffi liberi ad incorniciare il viso. Per creare movimento l’hairstylist ha lavorato con un ferro conico e ha poi texturizzato l'acconciatura. Infine, dopo aver raccolto le lunghezze ha fissato tutto il raccolto.

 

Stefania Giannico @Roberto D’Antonio per Jasmine Trinca 

jasmine-trinca-cannes

Per il photocall di Euforia, Stefania ha creato per Jasmine un look anni ‘90 caratterizzato da un volume XXL. Per crearlo l’hairstylist ha lavorato le radici con spazzola e phon ed utilizzando un volumizzante. Ha poi pettinato con le mani per tirare indietro le lunghezze e liberare la fronte, infine ha fissato il tutto.

 

Daniela Del Priore @Roberto D’Antonio per Isabella Ferrari 

isabella-ferrari-cannes

Per il photocall di Euforia, Daniela ha creato per Isabella Ferrari un hairlook disciplinato che ha messo in evidenza il color rame dei capelli dell’attrice. Per crearlo Daniela ha lavorato con spazzola e phon aiutandosi con un termo modellante ed infine ha fissato tutta l'acconciatura.

 

Davide De Luca @Roberto D’Antonio per Riccardo Scamarcio 

riccardo-scamarcio-cannes

Per il photocall di Euforia, Davide De Luca ha creato per Riccardo Scamarcio un look glossy valorizzando il naturale riccio dell’attore. I capelli sono stati asciugati con diffusore ed i ricci definiti con un gel e lucidati con olio per capelli.

16 May 18

cosmoprof-bologna-2019

Cosmoprof Worldwide Bologna presenta la nuova campagna pubblicitaria per la prossima edizione che si svolgerà a Bologna dal 14 al 18 marzo 2019.

La nuova immagine, ideata e curata da Heads Collective, promuoverà le manifestazioni del network Cosmoprof – Cosmoprof Worldwide Bologna, Cosmoprof North America, Cosmoprof India e Cosmoprof Asia – sui principali media nazionali ed internazionali (digital, stampa trade e consumer, affissione, tv).

Le immagini, realizzate da Emilio Tini, rappresentano una bellezza senza confini, espressione di una società aperta e multiculturale, attraverso i volti e i corpi dipinti di modelle di differenti etnie. L’immagine di ognuna di loro è associata a Bologna, Las Vegas, Mumbai, Hong Kong, le città che ospiteranno, nel corso del 2019, le relative manifestazioni Cosmoprof. Il gioco del make-up, che è in realtà quasi un’opera di body art, crea un effetto visivo straniante, in un dialogo tra finzione e realtà, tra il volto reale e quello dipinto. In ognuno di noi c’è una personalità dalle molteplici sfaccettature che il trucco può nascondere o viceversa far emergere ed enfatizzare.

Lo stesso gioco di forme e di colori è protagonista dei video della campagna, per la regia di Francesco Meneghini, giocati su primi piani e macro delle modelle, che si soffermano sui passaggi tra la parte colorata e la parte naturale dei volti. In coerenza con le campagne Cosmoprof, Heads ha sviluppato anche l’immagine per Cosmopack, la manifestazione dedicata al packaging e alle materie prime, riprendendo i medesimi colori delle differenti manifestazioni per comunicare lo sviluppo internazionale del salone dedicato alla filiera cosmetica.

15 May 18

Roberto D’Antonio per Alba Rohrwacher 

alba-rohrwacher-primo-look-due

Per il photocall del film Lazzaro Felice, Alba Rohrwacher ha deciso di sfoggiare un bun spettinato. Roberto D’Antonio ha lavorato per creare un hairlook che dà l’impressione che Alba abbia appuntato i capelli da sé. Per realizzarlo Roberto ha lavorato le lunghezze con un ferro conico e ottenendo un movimento leggero.

alba-rohrwacher-secondo-look

Roberto D’Antonio ha creato per Alba Rohrwacher un raccolto sulla nuca caratterizzato da un nodo spettinato e da un ciuffo sciolto a incorniciare lateralmente il viso. Per realizzarlo Roberto ha lavorato le lunghezze con un ferro conico e ottenendo un movimento leggero. Ha poi raccolto le lunghezze e lucidato la chioma.

Antonio Leone @Roberto D’Antonio per Alice Rohrwacher

alice-rohwacher-primo-look

Anche Alice Rohrwacher, come la sorella Alba, ha scelto per il photocall del film Lazzaro Felice un look similare a quello del red carpet ma con la linea più “sporca” più grunge. Se per la sera il look di Alice sembrava una cascata di ricci, per il look da giorno la cascata diventa un raccolto scomposto, alto sul retro della testa, dal quale sfuggono alcune ciocche spettinate. Per realizzarlo Antonio ha lavorato le lunghezze con un ferro conico ottenendo un movimento che ha pettinato con le mani; ha raccolto, poi, le lunghezze in un codino ripiegato su se stesso.

alice-rohwacher-secondo-look

Antonio ha creato per il secondo look di Alice Rohrwacher un raccolto alto e spettinato caratterizzato da una cascata di ricci. Per realizzarlo ha lavorato le lunghezze con un ferro conico aiutandosi per ottenere un movimento sostenuto. Ha poi spettinato le lunghezze e le ha raccolte in uno chignon alto, liberando delle ciocche a incorniciare il volto in una cascata spettinata.

Roberto D’Antonio per Jasmine Trinca

jasmine-trinca

Da anni D’Antonio pettina Jasmine Trinca in tutte le occasioni speciali. Per il red carpet a Cannes di Les Filles Du Soleil, Roberto ha creato un raccolto dall’allure punk sul davanti e classico sulla nuca. Per ottenerlo ha cotonato le ciocche frontali ed ha texturizzato le lunghezze.

Roberto D’Antonio per Ginevra Elkann

ginevra-elkann

Roberto D’Antonio ha creato per Ginevra Elkann un look afro anni ’80 enfatizzando il naturale movimento dei capelli dell’imprenditrice e rendendolo super voluminoso.

15 May 18
 

Plastik Collection is a wonderful space called “universe”, a cosmos where fashion and image are playing with different measures, concepts and materials. It is a pleasure to introduce you a collection designed in our world, a world that we venerate and care for it, aware that the word recycling must be part of our lives. With this collection the hairstylist wants to reflect the different shapes that comes from architecture, volumes, color in a simple way, but that projects a great visual impact launched with a new concept. Plastik, exposes new ways of approaching to the fashion of the future without forgetting the essence of our past, renews dimensional forms to elevate them to the maximum expression, recycles the world of color with colors already reflected but which, in turn, there are re-versioned to adapt and mould them to the era that we are living. She wants a better world and she hopes that with Plastik collection a path will be opened to be able to get closer to it.

Collection: Plastik
Ph: David Arnal
Make-up: Wilder Rodriguez
Styling: Aaron Gil

hair-collections

15 May 18
 

The hairstylist was inspired by the 90′s as they represent minimalism, masculinity and individuality. The cuts made with straight lines directed backwards with internal disconnections that with the movement create subtle and slightly concave angles. The color emerges from the interior, dark, neutral and natural colors with touches of blue, green and violet, just as at the origin of the universe. He was inspired by Kate Moss, and the musical groups Nirvana and Suede.

Collection: Origin
Ph:Yoye
Hair & Make-up: Jose Valle, Eva Blas, Ángelo Villalba @ Backstage BCN
Creative Concept: Jose Valle @Backstage BCN

hair-collections

14 May 18

marketing

In questi ultimi mesi ci sono state tante uscite dalle Aziende ed il settore più coinvolto è stato il Marketing.

In GAMA PROFESSIONAL non è più responsabile Emanuele Bettuzzi, in ELGON ha lasciato l'incarico Giuseppina Saitta, in BELLANI è uscita Rossella Diolosà, in BRELIL c'è l'abbandono di Luca Pennavaria, da BABYLISS escono sia Laura De Bonis che Lorenzo Ruspi, da CPM abbandona Eugenio Bassi, da GHD si allontana Georgios Tsanos, da L'ORÉAL lascia addirittura Catia Martins, in MADRENATURA rottura con Giancarlo Merlina, da POOLSERVICE esce Alessandra Zorzi, da TIGI si allontanano Igor Boccardo e Andrea Pampuri, da UNIMIX abbandona Gaetano Taverna, etc.

Cosa sta succedendo?




Page: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7   next >


Solitamente nel programma Tv "Ma come ti vesti" Carla Gozzi aiuta i "comuni mortali" a migliorare il loro stile, per Fanpage.it la style coach più famosa d'Italia dà i voti all'abito da sposa di Meghan Markle e ai look degli invitati al Royal Wedding. Ecco le pagelle di stile, gli outfit approvati e quelli bocciati dall'esperta di stile.
Continua a leggere


Kate Middleton si conferma "regina del riciclo" e per il matrimonio di Harry e Meghan indossa lo stesso abito che aveva già sfoggiato al battesimo di Charlotte e anche durante una visita in Belgio. Ecco chi ha firmato il completo e i dettagli dell'outfit scelto dalla Duchessa di Cambridge per il Royal Wedding.
Continua a leggere


Nel 2010 Meghan Markle era già salita all'altare, in quell'occasione però non aveva sfoggiato un lungo vestito a strascico casto e senza scollatura, abbinato a velo ricamato e tiara, ma un sensuale abito bustier dalla profonda scollatura con decori gioiello. Ecco le foto del primo abito da sposa di Meghan Markle.
Continua a leggere


Victoria Beckham ha scelto il blu notte, la regine Elisabetta il verde lime, rosa confetto per Serena Williams, verde menta per la mamma della sposa e vestiti candidi per le damigelle d'onore. Ecco tutti i look e i dettagli degli outfit degli invitati al Royal Wedding di Meghan Markle e Harry d'Inghilterra.
Continua a leggere


Bianco candido, linee essenziali e pulite, strascico lunghissimo, velocon ricami floreali e una tiara con diamanti, così Meghan Markle ha percorso la navata per sposare Harry d'Inghilterra. Nesun dettaglio sexy o decoro lucente, solo tanta semplicità. Ecco tutti i dettagli del look della sposa e dell'abito scelto per le nozze.
Continua a leggere

sposi-meghan-harry

Se le nozze fra il Principe Carlo e Diana Spencer, nel 1983, avevano stupito e fatto sognare il mondo intero con la loro magnificenza e l’atmosfera da fairy tale, quelle tra il Principe William e Kate Middleton, nel 2011, hanno conquistato per la ventata di modernità, lo stile, il valore autentico di un’amabile e carismatica new generation di reali.
Oggi, però, il matrimonio fra il Principe Harry (33 anni) e Meghan Markle (36), con l’eleganza tanto sobria quanto raffinata, il romanticismo palpabile e il profondo significato emozionale e storico che lo hanno caratterizzato, ha saputo toccare corde più profonde, tracciando segni indelebili nei cuori e nella storia della monarchia inglese.

A differenza del principe William, per il quale era necessario un matrimonio in perfetto stile “Windsor”, nel caso del principe Harry si è assistito emotivamente al matrimonio del “figlio di Diana”. A distanza di 30 anni dalla sua scomparsa, il ricordo dell’iconica principessa ha aleggiato potentemente nel corso dell’intera cerimonia, rafforzato anche dalla presenza sull’altare della sorella Jane, lettrice delle sacre scritture per volontà dello stesso nipote Harry, effettivo erede di mamma Diana in quanto a personalità e umanità.

Con questo matrimonio la casa reale inglese si apre definitivamente alla modernità. Da un punto di vista storico e culturale l’unione fra Harry e Meghan ha un impatto importantissimo: per la prima volta nella storia, una casa reale come quella inglese – storicamente simbolo dell’imperialismo bianco britannico – accetta di includere nel proprio patrimonio genetico una discendenza di razza mista.

Ma non solo: Meghan è americana e questo può con tutta probabilità inaugurare una nuova stagione di rapporti fra Stati Uniti e Regno Unito. È una self made woman  guidata da una sensibilità femminista, che può anche permettersi di percorrere la scalinata per entrare in chiesa da sola, con estrema disinvoltura. Sposando il sesto discendente in linea di successione alla Corona, Meghan (che è anche al suo secondo matrimonio) sa inoltre che può permettersi la libertà di operare scelte audaci e progressiste in termini culturali, indossando una simbolica maglia di “Ambasciatrice” di un’Inghilterra che si apre al mondo.

A dispetto di qualche gossip da tabloid – che non ha esitato a ricordare come un’attrice sappia perfettamente “come si recita una parte” – nella cappella di St. George, al Castello di Windsor, Harry e Meghan sono apparsi sinceramente felici e innamorati agli occhi di miliardi di spettatori in tutto il mondo.
Del resto, il principe “ribelle” della dinastia Windsor – nonché nipote prediletto della Regina Elisabetta – e l’attrice afroamericana, sembrano davvero fatti l’uno per l’altra: entrambi impegnati in difesa dei diritti civili (Meghan ha anche parlato all’Onu in qualità di attivista convinta), amanti degli animali e dell’arte, sensibili al tema dell’ecologia, sanno che attraverso una posizione come la loro sarà possibile fare molto per operare cambiamenti sostanziali per il bene dell’umanità.

Una curiosità: nel leggere la promessa di matrimonio, l’Arcivescovo di Canterbury ha modificato per la prima volta la tradizionale formula, omettendo di citare il verbo “obbedire”, che molte critiche e commenti aveva suscitato in occasione del matrimonio fra Kate e William. Inoltre, nonostante i membri reali non abbiano l’obbligo di indossare la fede matrimoniale dal momento della cerimonia in poi (è il caso del principe William), Harry ha invece scelto di farlo.
God bless this Royal Wedding.

L'articolo Royal Wedding: perché le nozze di Harry e Meghan resteranno impresse nei cuori (e sui libri di storia!) sembra essere il primo su Glamour.it.



219
Beauty news
May 20, 2018

A un matrimonio tutti gli occhi sono puntati sulla sposa. Figuriamoci al Royal Wedding più chiacchierato e atteso da mesi, con una sposa di nome Meghan Markle che indossa un abito da mille e una favola, griffato Givenchy Haute Couture.

Va detto però che a un matrimonio come questo è difficile non notare il parterre di ospiti che vi partecipano. Specie se scelgono outfit così (insolitamente) colorati da non poter non essere notati.

Prima tra tutte la Regina Elisabetta, che ha stupito con un soprabito verde lime, abbinato al cappello e al vestito dai guizzi di colore viola intenso. Il verde è stato la scelta anche della mamma di Meghan, Doria Ragland, elegantissima in una nuance pastello, e di Carole Middleton che ha scelto invece un menta ghiaccio.

La più glam è stata Amal Clooney, in giallo zafferano, seguita da Victoria Beckham, posh in blu scuro ma con décolleté arancione pop.

Poi sì al floreale, da Charlotte Riley a Carey Mulligan fino alla raffinata Pippa Middleton. La sorella Kate, Duchessa di Cambridge, invece, ha optato per un semplicissimo panna e, come lei, Serena Williams e Priyanka Chopra hanno selezionato abiti nelle nuance tenui del rosa e del lilla.

I dettagli che non dimenticheremo? Il cappello “a fiore” di Camilla Parker Bowles, forse un po’ troppo ingombrante, e gli occhiali rosa stilosissimi di Sir. Elton John, griffati ovviamente Gucci.

Nella gallery tutti i best look, da copiare se siete state invitate a un matrimonio in questi mesi estivi e per apparire stilose senza rubare la scena alla sposa.

L'articolo I look degli invitati al Royal Wedding sembra essere il primo su Glamour.it.



Here comes (another) bride!

Eek!

That yellow though...

Sneak peek.

214
Beauty news
May 20, 2018

Non c’è matrimonio inglese senza parata di cappelli e fascinator, si sa, e il royal wedding non ha fatto eccezione. Le ladies della famiglia reale, appartenenti a varie generazioni, non hanno voluto deludere le aspettative e sono andate sul sicuro scegliendo i modelli collaudati del veterano Philip Treacy: Camilla, duchessa di Cornovaglia, ma anche Kate Middleton e la giovane Kitty Spencer, che ha abbinato il suo fascinator decorato con un nodo-scultura a un abito verde di Dolce & Gabbana.

Per la regina Elisabetta II invece ha lavorato Angela Kelly con, ovviamente, un cappello unico e custom made decorato con piume viola e pietre colorate. Il modello giallo canarino con veletta e paillettes scelto da Amal Clooney è opera di Stephen Jones, come quello semplicissimo, bianco e abbinato al completo verde acqua di Oscar de la Renta, di Doria Ragland, la mamma della sposa, mentre quello azzurro polvere con piume di Sophie, duchessa di Wessex, è di Jane Taylor.

Anche Pryanka Chopra, in Vivienne Westwood, e la regina dei talk show Oprah Winfrey sono sono affidate alla mano sicura di Philip Treacy: forse per non rischiare di commettere errori da neofite, in mezzo a tante altezze reali espertissime in materia. Come Eugenia e Beatrice di York, figlie del principe Andrea e di Sarah Ferguson, che hanno scelto, rispettivamente, un cappellino dalla foggia minimal e un headband blu navy.

L'articolo Royal wedding: tutti i cappelli sembra essere il primo su Vogue.it.



Dopo due settimane il Festival di Cannes giunge al suo compimento. Ecco tutti i vincitori del Festival di Cannes 2018 premiati dalla giuria capitanata da Cate BlanchettUn festival che in questo 2018 ha “saputo far notizia”, a partire dalle numerose manifestazioni legate ai diritti civili e alla parità di genere che si sono verificate lungo i red carpet delle proiezioni serali ma soprattutto che ha visto in competizione film che difficilmente potremo dimenticare.

E a vincere sono stati i film forse più convincenti di questa kermesse: da  Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher (che ha conquistato il premio come miglior sceneggiatura) e Dogman di Matteo Garrone (che ha regalato a Marcello Fonte, il suo attore protagonista, il premio come miglior interpretazione), a Blackkklansman di Spike Lee che ha vinto il Grand Prix della Giuria fino al trionfatore di questa Cannes 2018, Hirokazu Kore-Eda, che con il suo Shoplifters ha conquistato la Palma d’Oro.

Ecco l’elenco dei vincitori aggiornati in tempo reale:

Palme D’or
Kore-Eda Hirokazu, Manbiki Kazoku (Une Affaire De Famille / Shoplifters)

Grand Prix
Spike Lee – Blackkklansman (Black Klansman)

Prix De La Mise En Scène / Best Director
Pawel Pawlikowski – Zimna Wojna (Cold War)

Prix Du Jury / Jury Prize
Nadine Labaki – Capharnaüm

Palme D’or Spéciale / Special Palme D’Or
Jean-Luc Godard – Le Livre D’image (Image Book)

Prix D’interprétation Masculine / Best Performance By An Actor
Marcello Fonte – Dogman by Matteo Garrone

Prix Du Scénario Ex-Æquo / Best Screenplay (Ex-Æquo)
Alice Rohrwacher – Lazzaro Felice
Nader Saeivar – Se Rokh (3 Visages/3 Faces)

Prix D’interprétation Féminine / Best Performance By An Actress
Samal Yeslyamova – Ayka by Sergey Dvortsevoy

Caméra D’or
Lukas Dhont – Girl

Mention Spéciale Du Jury Des Courts Métrages
Wei Shujun – Yan Bian Shao Nian (On The Border)

Palme D’or Des Courts Métrages
Charles Williams – All These Creatures (Toutes Ces Créatures)

 

L'articolo Cannes 2018: la Palma d’Oro, i vincitori e il red carpet della premiazione sembra essere il primo su Vogue.it.



Ci aveva già stupito appena uscita dall’ospedale dopo aver dato alla luce il suo terzogenito e Kate Middleton, al Royal Wedding del principe Harry e dell’ormai cognata Meghan Markle, lo ha fatto di nuovo. In maternità fino a fine estate, al matrimonio dell’anno, suo primo evento ufficiale dopo la nascita di Louis Arthur Charles, meno di un mese fa, si è mostrata in grandissima forma.

Molto defilata, con un abito firmato Alexander McQueen by Sarah Burton, non ha rubato la scena alla bellezza della sposa, ma ha brillato non solo per la sua solita eleganza e raffinatezza, ma anche per l’invidiabile forma fisica. Diversamente da Meghan Markle, sotto il cappello Kate Middleton ha scelto di tenere i capelli sciolti, mossi da onde molto morbide e super brillanti.

Il make-up non è diverso dal suo look iconico: labbra leggermente glossate ma naturali, guance rosee, eyeliner nero e uno smokey eyes forse più scuro del solito (del resto bisogna in qualche modo rimediare alle ore piccole che si fanno con un neonato) che scende anche nella rima inferiore. Le unghie sono naturali.

L'articolo Royal Wedding, il beauty look post-gravidanza di Kate Middleton sembra essere il primo su Vogue.it.



I loro look non erano attesi quanto quello di Meghan Markle, naturalmente, ma fino a poco fa c’era mistero anche sulle ‘divise’ da paggetti e damigelle dei royal babies, il cui team include George, 4 anni, e Charlotte, 3. I baby outfit sono svelati insieme all’abito della sposa. Le femminucce hanno indossato dei deliziosi abitini bianchi e una corona di fiori. I maschietti dei completi neri con giacca lunga.

Oltre ai figli dei Duchi di Cambridge (a eccezione del neonato Louis, naturalmente, che non era presenta alla cerimonia) erano parte del corteo nuziale altri 8 bambini: Florence van Cutsem, 3 anni, figlioccia di Harry; Remi e Rylan Litt, 6 e 7 anni, e Ivy Mulroney, 4, figlie di due amiche della sposa; Zalie Warren, 2, figlia di un ex compagno di scuola di Harry, Jasper Dyer, 6 anni, figlio di Mark Dyer, mentore di Harry, e i gemelli Brian e John Mulroney, 7, fratelli di Ivy.

Guardate la gallery dedicata ai look da paggetti e damigelle dei royal babies al matrimonio di Harry e Meghan.

L'articolo George e Charlotte: i look da paggetti dei royal babies sembra essere il primo su Vogue.it.



Da sposa, nel giorno del Royal Wedding, 7 anni fa, ci ha fatto sognare. Ma anche da invitata alle nozze, al matrimonio di sua sorella Pippa. Kate Middleton non sbaglia un colpo.

E per le nozze di Harry e Meghan Markle non ha deluso le aspettative. La Duchessa di Cambridge ha indossato un abito bianco longuette firmato, come i due precedenti, Alexander McQueen by Sarah Burton. Una creazione che aveva già sfoggiato in altre due occasioni. Impeccabile come sempre, ha corredato il vestito con un cappello Philip Treacy e un paio di pump Jimmy Choo.

Guardate la gallery dedicata all’abito indossato da Kate Middleton alle nozze di Harry e Meghan.

 

Qui invece trovate gli ultimi dettagli sull’abito da sposa indossato da Meghan Markle al matrimonio con Harry.

Curiose di scoprire le differenze tra il Royal Wedding di Kate e William e quello di Meghan e Harry? Cliccate qui.

Anche gli invitati avevano look da sogno. Qui trovate una gallery dedicata agli spettacolari cappellini e fascinator.

L'articolo Kate Middleton: l’abito alle nozze di Harry e Meghan sembra essere il primo su Vogue.it.



209
Beauty news
May 20, 2018

Il primo a dirglielo è stato il principe Harry, suo marito da poche ore: “Sei meravigliosa”, le ha sussurrato all’altare. La nuova Duchessa di Sussex Meghan Markle per il giorno del suo Royal Wedding ha scelto un beauty look minimal ma d’effetto; abbastanza insolito per i reali britannici: molto casual, con una radiosità alla californiana, sulla pelle ma anche nell’atteggiamento, sempre sorridente e mai tesa.

CAPELLI: IL BRIDAL BUN
Sotto il velo e una bellissima tiara (appartenuta alla regina Maria e presa in prestito dalla regina Elisabetta), i capelli di Meghan Markle sono fissati in un mega chignon, molto più scenico e voluminoso di quelli portati finora, creato dall’hairstylist Serge Normant. Le lunghezze sono arricciate in onde morbide e appuntate sopra la nuca. La riga è al centro e quello che ha stupito di più sono le sottili ciocche frontali lasciate ribelli e tenute dietro le orecchie, una sorta di tendrils anni 90 (da lei amatissimi), che hanno reso il raccolto molto casual: il suo tocco moderno e insolito a un’acconciatura più elegante e classica.

MAKE-UP: IL TOCCO CALIFORNIANO
Fatto da sola con l’aiuto di alcune amiche (tra cui probabilmente la stylist e consulente matrimoniale canadese noinché sua migliore amica Jessica Mulroney), il trucco indossato da Meghan Markle per il matrimonio non è altro che una versione leggermente più curata del suo look iconico: pelle naturale e fresca – probabilmente uniformata con il suo fondotinta preferito, Luminious Silk di Giorgio Armani – con le lentiggini in mostra e gli zigomi scaldati da un velo rosa pesca (uno dei suoi blush preferiti è Orgasm di Nars) per un’ “american beauty” dal fascino californiano. A dare profondità allo sguardo, invece, uno smokey eyes non troppo forte, nero e talpa, e ciglia piene e piumate (forse arricchite da una linea di ciglia finte). Infine, le labbra sono naturali e coperte da una delicata sfumatura rosea, con un accenno di lucentezza più simile a un balsamo che a un gloss.

NAIL ART: BIANCO NUZIALE
Le unghie sono coperte da uno smalto bianco-rosa, probabilmente del brand Cnd: pochi giorni fa infatti, dal suo account Instagram, l’amica di Meghan Markle e stylist dei matrimoni Jessica Mulroney ha dichiarato che i suoi smalti preferiti per le spose sono le nuance più delicate degli smalti Cnd.

L'articolo Royal Wedding: il beauty look di Meghan Markle sembra essere il primo su Vogue.it.



Oggi, 19 maggio 2018, Meghan Markle e il Principe Harry è il grande giorno. Il Royal Wedding è in corso alla Cappella di San Giorgio, a Windsor. Splendida la sposa in Givenchy Haute Couture by Clare Waight Keller. Un abito bellissimo e semplice impreziosito ulteriormente dalla tiara del 1932 appartenuta alla Regina Mary e dal velo con dettagli di pizzo. E guardandola nel suo tour in auto e al suo arrivo in chiesa, non si può non pensare al Royal Wedding che nel 2011 vide l’unione di Kate Middleton e William. Il paragone tra gli abiti da sposa è immediato.

Kate indossò un magnifico abito da sposa realizzato dal direttore creativo Sarah Burton per Alexander McQueen con gonna ampia, decorata con pizzo ricamato a mano, e dotata di uno strascico lunghissimo che sua sorella Pippa reggeva con grande emozione. Il corpetto a cuore era in satin di seta su cui erano applicati 58 bottoni in gazar e organza, mentre la sottogonna era in pizzo inglese Cluny su tulle di seta.

Guardate la gallery dedicata ai look e agli abiti da sposa di Meghan e Kate a confronto.

Se volete scoprire tutti i dettagli sull’abito da sposa di Meghan Markle cliccate qui.

L'articolo Meghan e Kate: i look e gli abiti da sposa a confronto sembra essere il primo su Vogue.it.



207
Beauty news
May 20, 2018

Sabato 19 maggio, va in scena il royal wedding del principe Harry con l’attrice Meghan Markle appena nominati dalla regina Duchi di Sussex.

Il principe Harry accompagnato dal fratello e testimone William ha fatto il suo ingresso in chiesa. Dopo qualche minuto è arrivata la sposa, in un abito disegnato da Clare Waight Keller, prima donna direttore creativo di Givenchy. Sul capo, una delle tiare della famiglia reale, risalente al 1932 e appartenuta alla regina Mary. Meghan ha dato il braccio al principe Carlo, ma ha camminato da sola per gran parte della navata.

La predica durante la cerimonia è stata tenuta da un americano, il reverendo Michael Curry, che in un appassionato discorso sull’amore ha citato anche Martin Luther King Jr.

Dopo la predica è stato il momento di un coro gospel: Karen Gibson and The Kingdom Choir hanno eseguito “Stand by Me” dal lato ovest della cappella. Il gruppo fondato nel sud dell’Inghilterra è attivo da 20 anni.

In precedenza, la sorella maggiore di Lady D,  Lady Jane Fellowes, ha letto un brano dal libro sei Salomone e la soprano Elin Manahan Thomas ha cantanto  Handel, creando un’atmosfera eterea.

Infine, lo scambio dei voti nuziali, secondo la liturgia standard della Chiesa Anglicana, pubblicata nel 2000: una leggera differenza rispetto a William e Kate che scelsero una versione risalente al 1662, presa dal Book of Common Prayer.

 

L'articolo Royal Wedding: gli sposi e tutti gli invitati sembra essere il primo su Vogue.it.



206
Beauty news
May 20, 2018

Il grande giorno è arrivato. Oggi, 19 maggio 2018, Meghan Markle sposerà il Principe Harry.

L’ex attrice è arrivata alla Cappella di San Giorgio a Windsor, accompagnata dalla madre fasciata in un meraviglioso abito da sposa super minimal con scollo a barca e strascico firmato Givenchy Haute Couture by Clare Waight Keller. Elegantissima, con i capelli raccolti e una preziosa tiara del 1932 appartenuta alla Regina Mary, un lungo velo con dettagli in pizzo, era davvero bellissima. Ad accompagnarla all’altare il Principe Carlo.

“È stato un vero onore aver avuto l’opportunità di collaborare con Meghan Markle in questa importante occasione”, ha detto la stilista. “Volevamo creare un pezzo senza tempo che enfatizzasse i codici iconici di Givenchy attraverso la storia, così come nella modernità, attraverso linee eleganti e tagli netti. In contrasto con il delicato e bellissimo velo floreale. Come stilista inglese presso una casa d’alta moda parigina, sono molto orgogliosa di questa creazione e sono molto grata a Meghan Markle, Harry e Kensington Palace per averci reso parte di questo capitolo della storia”.

Meghan ha espresso il desiderio di fare un omaggio ai 53 paesi del Commonwealth. Così, la fashion designer ha disegnato per lei un velo che rappresenta la flora distintiva di ognuno di quei paesi insieme a una spettacolare composizione floreale. Il velo è lungo 5 metri ed è realizzato in tulle di seta. I fiori, posizionati sul bordo, sono ricamati a mano in fili di seta e organza.

Sono tante le indiscrezioni trapelate dal giorno dell’annuncio del fidanzamento della coppia. Inizialmente si era pensato alla designer iraniana Inbal Dror, poi a Erdem, Ralph & Russo, Alexander McQueen a Burberry. Alla fine la scelta della ex attrice ha sorpreso tutti.

Guardate la gallery dedicata all’abito da sposa di Meghan Markle.

L'articolo Abito Sposa Meghan Markle: gli ultimi dettagli sembra essere il primo su Vogue.it.



Page: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7   next >
      KONTAKTA OSS      
The world of hair fashion and beauty business
Il mondo della moda capelli e della bellezza
Die professionelle Welt der Haarmode und der Schnheitspflege
El mundo profesional de la moda-cabello y de la belleza
Le monde professionnel de la mode cheveux et de la beaut
Το πιο σημαντικό portal στον κόσμο εξειδικευμένο στην μόδα μαλλιών
Самый важный портал в мире,специализирующийся по моде волос
أكبر موقع في العالم مختصّ في موضة الشّعر
是世界上在发型时尚专业领域中最重要的网站。

GLOBElife Advertise   -   Beauty Store
GLOBELIFE Group

©2018 Globelife.com All rights reserved