INTERCOIFFURE MONDIAL Paris
World of Hairfashion and Beauty Business

ДОСЛІДЖЕННЯ РИНКУ


ДОСЛІДЖЕННЯ РИНКУ




da "IL SOLE 24 ORE"
STILI DI VITA
SPESI OGNI ANNO 14 MILIARDI IN "BENESSERE"


Milano "La salute non è tutto, ma senza la salute tutto è niente.", diceva Arthur Schopenhauer. Gli italiani sembrano daccordo con il filosofo tedesco e sono disposti a investire denaro e tempo per conservare la salute. Anzi, il wellness, cioè lo star bene.
Nel 2004 sono stati spesi 14 miliardi di Euro per prodotti e servizi dei settori alimentari, cosmesi, benessere, fitness ecc. Secondo una ricerca mondiale condotta da Bain&Co. Per conto di Rodale gruppo editoriale americano specializzato in pubblicazioni di salute e benessere la spesa pro-capite nello scorso anno è stata di quasi 1.200 euro, con una crescita costante dell11% dal 2000 a oggi.
La ricerca non è limitata allanalisi della voglia di wellness nel nostro paese, ma è stata condotta a livello internazionale. LItalia si colloca al quinto posto per numero di consumatori di prodotti e servizi wellness, dietro a Stati Uniti, Cina, Giappone e Germania. Considerato che Stati Uniti e Cina hanno rispettivamente 300 milioni di abitanti, è molto più interessante il dato pro-capite. E qui lItalia è al terzo posto, con 1.161 euro, dietro a Giappone (1.682) e Germania (1.606). Per quanto riguarda i consumi, lalimentare è al primo posto con il 35% (pari a 5,5 miliardi di euro): in questa categoria cadono i prodotti "light" (a basso contenuto calorico) e il cibo "organic" e "natural". I cibi naturali, del resto, fino a pochi anni fa si potevano trovare solo in piccoli negozi specializzati: oggi invece le grandi catene di supermercati danno sempre più spazio a frutta, verdura, cereali da agricoltura biologica. Al secondo posto ci sono i centri fitness (16% della spesa complessiva), seguiti da cosmetica (10%) e prodotti per lo sport (8%).
Anche per quanto riguarda il tasso di crescita lalimentare è al primo posto: grazie soprattutto ai cibi biologici, dal 2000 il settore ha avuto una crescita media annua del 20%. La percentuale scende al 15% per i centri fitness e le spa, al 10% per le medicine alternative e al 9% per le attrezzature fitness, un mercato che nel 2004 valeva 210 milioni di euro. Il trend di crescita del wellness italiano spiega Gianni Crespi, presidente di Rodale International è in linea con quello globale. E, anche in anni di crisi economica, è "un fenomeno in controtendenza rispetto ai consumi in molti altri settori". Secondo Crespi la crescita della domanda di wellness aumenterà monto anche in Paesi come Cina e India, che si riveleranno mercati molto interessanti per le multinazionali del wellness. Il mercato mondiale dello "star bene" vale oggi circa 540 milioni di dollari e ha una base di circa 300 milioni di consumatori. E la domanda di informazione, secondo il numero uno di Rodale (che pubblica in joint venture con Mondatori "Mens Health" e Starbene"), è destinata ad aumentare. Anche in Italia, dove il segmento dei magazine di salute e benessere nel 2004 valeva circa 42 milioni di copie e 100 milioni di euro.
Giulia Crivelli

X

privacy
Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X