Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Le creme piedi sono indispensabili per prenderci cura dei nostri piedi e combattere secchezza, talloni screpolati, calli e pelle ruvida. Ideate per rispondere a specifiche esigenze - idratanti, antiodore, antisudore o esfolianti - in commercio esiste una vasta selezione di creme per i piedi, di tantissime marche e dalle differenti finalità. In questa guida vediamo quali sono le migliori e come scegliere la più efficace.Continua a leggere

Continua a leggere

Ogni volta che decretiamo la fine dei capelli a caschetto e decidiamo di farci crescere la chioma con obiettivo XXL - che questa estate sono fra l'altro di grande tendenze - una nuova star decide di rivoluzionare il suo hairlook, confutando così la nostra teoria e donando eternità ai capelli a caschetto. Non solo: appena vediamo un bob siamo immediatamente tentate di prendere appuntamento con il parrucchiere per tagliar via i centimetri di “troppo” (che poi sono gli stessi che ci permettono di fare la coda ma tant'è). Ci è successo con il taglio di capelli di Dua Lipa, Kaia Gerber, Bella Hadid e, last but not least, Taylor Hill che ha puntato su un carré che diventerà copiatissimo. 

PARIS, FRANCE - MARCH 03: A guest wears a Chanel hair brooch, a checked purple and red tweed jacket, outside Chanel, during Paris Fashion Week - Womenswear Fall/Winter 2020/2021 on March 03, 2020 in Paris, France. (Photo by Edward Berthelot/Getty Images)
Smart Ideas
Acconciature capelli medi: 3 idee facili
Semiraccolti e half bun che danno lo stesso effetto dei capelli sciolti, ma con il viso scoperto.  Il tutto con pochi minuti di lavorazione

L'ex Angelo di Victoria's Secret ha pubblicato sul suo profilo Instagram una gallery di immagini in cui dice “Addio” ai suoi capelli chilometrici con cui l'abbiamo vista sfilare così tante volte. Non solo: il taglio, realizzato dal parrucchiere Danilo, ha esattamente le caratteristiche necessarie per convincere chi aveva intenzione di lasciare i capelli lunghi:

  1. È la lunghezza perfetta. Il taglio è tra un bob e un long bob, o quella che potremmo descrivere come la perfetta chioma midi che abbiamo già indicato come una delle tendenze di riferimento per l'estate 2020. Una lunghezza che sfiora le spalle, e che aiuta a incorniciare il viso senza apportare un cambiamento. Insomma, è l'ideale per chi ha paura di tagliarsi i capelli.

  2. È un taglio senza tempo. Come sottolineato dalla Maison Eduardo Sánchez, il caschetto è sempre raffinato e allo stesso tempo versatile. È un taglio dritto, ma con scalature leggere nella parte anteriore che danno movimento alle lunghezze.

  3. Si adatta bene sia con la riga in mezzo sia da una parte. Parlando di nuovo di versatilità, anche Taylor Hill dimostra che questo tipo di taglio ci permette di giocare ogni giorno.

  4. È perfetto se abbinato all'effetto bagnato. Dalle foto che Taylor Hill ha pubblicato, in due di esse possiamo vedere come i suoi capelli siano leggermente wet ideale per le giornate in spiaggia. O anche per lasciarlo asciugare all'aria dopo un'immersione in mare o in piscina e ottenere un aspetto molto fresco senza alcuno sforzo.

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato su Vogue.es



Continua a leggere

L'organizzazione Red Carpet Green Dress fondata nel 2009 da Suzy Amis Cameron ha l'obiettivo di supportare la moda sostenibile, invitando i designer a creare dei capi ecologici, ma anche a lavorare in modo da garantire un giusto salario, rendere più trasparente la filiera, utilizzare materiali riciclati e biodegradabili. Per incrementare questo impegno l'organizzazione lancia il RCGD Global Design Contest 2020 in collaborazione con Tencel Luxe, un contest aperto a tutti i designer del mondo che abbiano più di ventuno anni, sia emergenti che a capo di un brand consolidato. Le candidature possono essere inviate sul sito dell'organizzazione fino al 30 luglio 2020

I vincitori verranno annunciati a fine agosto, selezionati da un panel di esperti di moda sostenibile. Avranno l'opportunità di vestire delle influencer e attrici per una serie di red carpet(gli eventi specifici verranno rivelati in seguito), insieme a un premio in denaro e a un programma di mentorship. 

Il contest è supportato da Conscious Fashion Campaign in collaborazione con l'Ufficio delle Nazioni Unite per le Partnership e una parte dei fondi raccolti da questo progetto verranno devoluti in favore di due importanti organizzazioni, Awaj Foundation in Bangladesh e The Fifth Pillar in Myanmar, che sostengono i lavoratori che realizzano capi di abbigliamento e che sono stati duramente colpiti dalla pandemia

Ecco i membri che comporranno la giuria: Suzy Amis Cameron, fondatrice di RCGD, Nazma Akter,  founder e Executive Director della Awaj Foundation, la fashion designer Laura Basci e Harold Weghorst, Vice President of Global Brand Management di Lenzing AG.

BRANDON HiCKMANBRANDON HICKMANBRANDON HiCKMANBRANDoN HiCkMAN


Continua a leggere

Un progetto di moda sostenibile che combina etica ed estetica.

L’ultima sfilata di Armani volutamente tenutasi a porte chiuse rimarrà per sempre impressa nella nostra memoria. Lo stilista sostiene che il Covid-19 rappresenta una grande opportunità per ripensare il modo in cui funziona la moda. Alessandro Michele, dal canto suo, ha annunciato che Gucci avrebbe sfilato secondo le proprie tempistiche e  pianifica due presentazioni all’anno invece di cinque. Il Covid-19 ha avuto un impatto devastante sul settore e i marchi stanno organizzando le sfilate post-covid in modalità virtuale. Lo scorso 8 giugno, Chanel ha svelato la sua collezione cruise sui social e, in uno spirito eco-responsabile, ha deciso di riutilizzare dei tessuti esistenti. 

Si profila una nuova era, sicuramente una conseguenza del “Fashion Pact” firmato nell’ottobre 2019 da trentadue giganti della moda per un futuro pulito nel settore tessile e della moda. 

La posta in gioco è alta. Il 3 febbraio “Renaissance Project”, una associazione no profit (www.renaissance-project.org) nata lo scorso settembre a Villejuif, alla periferia di Parigi, ha presentato la prima sfilata di moda up-cycling Couture all’Institut du Monde Arabe.

PROTEGER
PROTEGER
@LAURENCELABORIE

Formatosi nell’atelier di sartoria del Cadre Noir di Saumur, collaborazioni con Karl Lagerfeld, Thierry Mugler, Jean-Paul Gaultier..., Philippe Guillet, oggi presidente e direttore artistico dell’associazione, ci spiega come sia possibile ripensare completamente i codici della couture recuperandone gli stilemi, ma innestandoli in una dimensione sociale, in un sistema di economia circolare “Volevo affrontare la questione degli sprechi dando una seconda possibilità ai vestiti di prêt-à-porter di lusso e di alta moda. I capi sono donati da privati che diventano ambasciatori e ambasciatrici del brand Renaissance. Così riciclando abiti firmati li facciamo rinascere, dopo che erano stati destinati all’abbandono o alla distruzione. Una consapevolezza evidente di fronte al consumo eccessivo e allo spreco”. Inoltre, sottolinea, “volevo dare anche una seconda chance a chi ha realizzato gli abiti. I couturier assunti per i corsi di formazione del 2019 sono persone che erano ormai lontane dal mondo del lavoro, con fragilità sociali. Cito il caso della piccola Louise, diversamente abile, ma anche di persone rifugiate, madri single... Spero che questi lavoratori si reinseriscano socialmente ed economicamente. Che possano ritrovare la loro autostima. E bisogna parlare di autostima piuttosto che di integrazione”, sorride. “Offro loro una formazione professionale, scommettendo sull’intelligenza della mano. Le creazioni vengono realizzate con materiali già esistenti stimolando così il savoir-faire”

Philippe Guillet offre così a questi uomini e donne una seconda opportunità. “Combatto per un’evoluzione e non per una rivoluzione nell’industria della moda. Inoltre gli hastag #onatousdroitaunesecondechance (tutti abbiamo diritto a una seconda chance) e #soyezrenaissance (siate la rinascenza) fanno parte del DNA dell’associazione”

Nell’Atelier, il processo inizia con l’esame accurato degli abiti, che vengono completamente smontati. Da qui, Philippe inizia a disegnare una collezione; quindi, a ogni couturier viene assegnato un modello che viene realizzato con i tradizionali metodi di lavoro adottati dai laboratori di cucito. Tutti gli accessori, i gioielli e le borse sono sottoposti allo stesso processo di up-cycling. Renaissance Project ha inoltre creato una mini capsule realizzata con 5 uniformi della società Aeroporto di Parigi (ADP): le uniformi vengono infatti utilizzate per una decina di anni e ADP ne ha donato quasi due tonnellate. 

Per Philippe Guillet l’obiettivo non è quello di sostituirsi ai designer ma di ripensare il futuro del lusso. “Viviamo esclusivamente grazie ai mecenati e alle donazioni che riceviamo. Il Gruppo Kering ci ha accompagnato nella prima sfilata, così come vari partner come il municipio di Villejuif, la regione dell’Île-de-France e altri partner sociali. Il prossimo passo sarà lo sviluppo di collaborazioni con le scuole. E perché non prevedere in futuro una capsule in collaborazione tra l’associazione e un grande marchio?”, rilancia Philippe.

Marie-Claire Daveu, Direttrice dello Sviluppo Sostenibile e delle Relazioni Istituzionali Internazionali di Kering, commenta: “Renaissance Project nasce sulla base di un meccanismo innovativo, proponendo un approccio a 360° allo sviluppo sostenibile, combinando dimensione ambientale e dimensione sociale. In linea con la strategia di sviluppo sostenibile attuata da Kering, si articola attorno ai fondamentali del “Care, Collaborate, Create”. Questo progetto promuove l’economia circolare e allo stesso tempo valorizza l’artigianato. A fianco dell’IFM e della Federazione dell’Alta Moda, Kering fornirà anche un supporto operativo per la misura dell’impronta ecologica nella trasformazione dei pezzi”. E aggiunge: “Kering è lieta di sostenere l’Atelier Renaissance e di accompagnare così un’iniziativa innovativa che affronta la dimensione ambientale e sociale e si basa sul savoir-faire. Questo supporto è in linea con l’approccio che stiamo volontariamente strutturando intorno alle collaborazioni, convinti che sia essenziale cooperare per procedere in modo più rapido ed efficiente”. Una sfida vincente, dunque, la cui prima sfilata si è tenuta sotto il segno dell’emozione. E ha portato Renaissance Project a vincere la scommessa della transizione ecologica e della dimensione umana nella moda sostenibile. 

PROTEGER
PROTEGER
@LAURENCELABORIE

Ad oggi, l’associazione sta reclutando nuovi sarti e prepara i corsi per il 2020. Il tema sarà quello del gender neutral. La collezione 2019 sarà venduta all’asta e l’associazione prevede la realizzazione di un libro per promuoverla, il cui beneficio andrà reinvestito. Donna Bernard (una delle ambasciatrici di Renaissance e director executive recruitment del Gruppo Richemont) dichiara: “mi sono impegnata a titolo personale in questa bella avventura umana e eco-responsabile, perché considero che Philippe Guillet si pone al cuore delle problematiche dell’industria della moda. Attraverso la sua Associazione promuove una crescita verde in uno sviluppo inclusivo”.

Ascoltiamo i consigli di Armani, ripensiamo il futuro del lusso attraverso un’altra prospettiva.



Continua a leggere

Tendenza moda estate 2020: cappelli di paglia. Ecco i modelli in voga e una selezione di look delle sfilate per scoprire come abbinarlo

La paglia e i materiali naturali hanno avuto un grande successo in tutte le categorie di accessori per l'estate 2020: il guardaroba di stagione è ricco di espadrillas, borse intrecciate e cappelli realizzati a mano.

Dior ha infatti presentato una serie di look con cappellini a cestino, portati con trecce baby che scendono sulle spalle, mentre Jacquemus ha optato per modelli over abbinati a gonne midi, chemisier e anche capi utility nelle sfumature pastello, della terra e verde salvia. 

Tocco 70s per per Saint Laurent che utilizza il cappello di paglia a falda larga con vestiti lunghi a fiori che mostrano le spalle e jeans a zampa. Più gipsy la declinazione di Etro: l'outfit è composto da un vestito chemisier asimmetrico stretto in vita con una maxi cintura e personalizzato da collane, mentre in testa svetta un maxi straw hat con bordo sfilacciato.

Elegante e raffinata la proposta di Oscar de la Renta: un vestito a ruota giocato sulla bicromia beige/nero realizzato interamente in rafia in coordinato con il cappello.

Da vere dive le proposte di Marc Jacobs: un floppy hat di paglia colorata, adornato da fiori in tinta con il look.

Christian DiorChristian DiorChristian DiorOscar de la RentaJacquemusJacquemusJacquemusEtroMarc JacobsMarc JacobsSaint LaurentSaint LaurentEmporio ArmaniEmporio ArmaniAnteprimaAnteprima


Continua a leggere

Durante il lockdown e ancora adesso, con la pandemia ancora in corso anche se in fase di contenimento, le ricerche su Google per la frase "consegna di fiori" sono raddoppiate: confrontando i dati di marzo 2019 a marzo 2020 l'incremento è evidente. Il motivo? Ce n'è uno intuitivo: i fiori non sono necessari ma sicuramente regalano gioia, stimolando contemporaneamente la vista, l'olfatto (provate a immaginare di trovarvi in un campo di lavanda), il tatto. Le belle fioriture, con il loro colore (per esempio le sfumature dei tulipani), il loro odore e la loro simmetria, forniscono il breve conforto che cerchiamo disperatamente. Vi è però anche una spiegazione scientifica, che una ricercatrice americana ha voluto dimostrare con un esperimento.

Bouquet Full of Happiness della Summer Collection di Colvin
Bouquet Full of Happiness della Summer Collection di Colvin
I fiori fanno bene: è scientifico

Nel 2005, la professoressa Jeannette Haviland-Jones ha inviato tre diversi tipi di pacchi - una candela, un cesto di frutta o un bouquet floreale - a 147 donne diverse. Era un regalo di ringraziamento: tutte le destinatarie avevano partecipato a uno dei suoi recenti studi psicologici. Ma in realtà non erano regali, erano variabili. E i fattorini che li trasportavano non erano corrieri, bensì psicologi, incaricati di analizzare le espressioni facciali di ogni destinataria. Successivamente, studiando i risultati nel suo laboratorio, Haviland-Jones ha scoperto che chi aveva ricevuto i fiori ha mostrato il “sorriso di Duchenne” (ovvero il sorriso genuino, le cui caratteristiche fisiche indicano che la persona non sta mentendo)  e si è sentito più felice più a lungo rispetto a chi ha avuto in dono un cesto di frutta o delle candele. 

Gerani: 6 curiosità e consigli per coltivarli
Suggerimenti smart per avere gerani sempre fioriti e per decorare balconi, giardini e tavole d'estate
Flower power

 “Siamo tutti affamati di bellezza e i fiori sono i più grandi spettacoli della natura. Sono tonici per l'umore e antistress “, dice Lewis Miller, fiorista di fama internazionale che si è guadagnato la reputazione di Banksy dei fiori con i suoi interventi di ”flower guerrilla”, portati avanti a New York anche durante la pandemia di coronavirus.

Altri 3 motivi per avere sempre in casa fiori e piante

Assodato che i fiori e le piante sono potenti antidepressivi naturali, ecco altri tre motivi per tenerli sempre in casa, secondo gli esperti di Colvin, la rete di fioristi online che consegna in tutta Italia, e che ha appena lanciato la sua collezione estiva, composta di bouquet e piante.

1. Purificano l’aria. Secondo uno studio sulla purificazione dell’aria svolto dalla NASA, è dimostrato che le piante purificano l’aria che respiriamo e migliorano la nostra salute.

2. Aumentano il benessere psico-fisico. L'abbiamo già detto, ma vale in particolare per alcuni fiori che agiscono da toccasana per la mente. La pianta aromatica della lavanda (che troviamo nel bouquet Get Together di Colvin) è ricca di proprietà: profuma l’aria e calma la mente.

3. Stimolano la creatività e la concentrazione: avere fiori in casa è un ottimo rimedio ai momenti di scarsa produttività. Il profumo di rose per esempio favorisce la concentrazione e la capacità di attenzione. 

Il bouquet Get Together di Colvin contiene lavanda: ottima per favorire la concentrazione
Il bouquet Get Together di Colvin contiene lavanda: ottima per favorire la concentrazione
Il bouquet Italian Essence di Colvin
Il bouquet Italian Essence di Colvin


Continua a leggere

beach1.jpgRiccardo Dubitantebeach2.jpgRiccardo Dubitantebeach3.jpgRiccardo Dubitantebeach4.jpgRiccardo Dubitantebeach5.jpgRiccardo Dubitantebeach6.jpgRiccardo Dubitantecaorle croce.jpgRiccardo Dubitantecasone1.jpgRiccardo Dubitantecasone2.jpgRiccardo Dubitantecasone3.jpgRiccardo Dubitantecasone4.jpgRiccardo Dubitantelagoon1.jpgRiccardo Dubitantelagoon2.jpgRiccardo Dubitantelagoon3.jpgRiccardo Dubitantelagoon4.jpgRiccardo Dubitantelagoon5.jpgRiccardo Dubitantelagoon6.jpgRiccardo Dubitantelagoon7.jpgRiccardo Dubitantelagoon8.jpgRiccardo Dubitantepapà.jpgRiccardo Dubitantetomba.jpgRiccardo Dubitantezia1.jpgRiccardo Dubitantezia2.jpgRiccardo Dubitantezia3.jpgRiccardo Dubitante


Continua a leggere

La galleria Deodato Arte, da sempre all’avanguardia nello sviluppo di soluzioni tecnologiche applicate all’arte, presenta “Marco Glaviano Icons”, la mostra virtuale che ripercorre la carriera di uno dei fotografi italiani più apprezzati al mondo, conosciuto per le sue meravigliose fotografie di moda e le collaborazioni con riviste come Vogue America e Harper Bazaar e per aver fotografato i volti delle supermodelle degli anni ’80 e ‘90 (Cindy Crawford, Paulina Porizkova, Claudia Schiffer, Eva Herzigova), contribuendo alla creazione di miti e icone di stile che hanno segnato un’epoca.

Marco Glaviano Icons - Photogallery
Annaeliese Seubert
Annaeliese Seubert
Marco GlavianoLiskula Cohen, 2011
Liskula Cohen, 2011
Marco GlavianoAshley Richardson
Ashley Richardson
Marco GlavianoEleonora Abbagnato, 2005
Eleonora Abbagnato, 2005
Marco GlavianoNatalia Belova, 2007
Natalia Belova, 2007
Marco GlavianoKamilla Klimczak
Kamilla Klimczak
Marco GlavianoOlga Serova
Olga Serova
Marco GlavianoShanney
Shanney
Marco GlavianoMarco GlavianoMarco Glaviano

Visitabile da un numero potenzialmente infinito di persone grazie all’applicazione della realtà virtuale sviluppata dai tecnici informatici della galleria, l’esibizione prevede opere “Best Seller” e “Unposted” del fotografo appassionato di musica jazz, che in quasi cinquant’anni di carriera anni ha prodotto ben 15 libri immortalando i personaggi più in vista del jet set internazionale. Quincy Jones, B.B. King, Whitney Houston, Gianni Agnelli e Alberto di Monaco sono solo alcuni dei personaggi di cui Glaviano ha catturato l’anima in scatti di rara intensità.

Ciascuna fotografia è stampata con la pregiata tecnica della stampa Giclée e tutte le opere sono edizioni limitate, firmate e numerate a matita dal fotografo.

Per vedere la mostra visita la virtual room su www.deodato.com



Continua a leggere

I key-piece della Primavera Estate 2020? I costumi interi monospalla: ecco la nostra selezione con i modelli da instagrammare.

Il vostro guardaroba Beachwear non sarà davvero completo finché tra i costumi da bagno non spunterà un modello monospalla. Non parliamo di capi minimal, ma di uno Swimwear elaborato che veste in spiaggia, certo, ma anche di giorno come un body, e che di notte dà il meglio di sé. Si veste di luminose applicazioni, di lavorazioni couture e si arricchisce di elementi décor che di certo non potranno passare inosservati. Quei pezzi che modelle e it girl si divertono a instagrammare, suscitando la curiosità delle loro follower. Zimmerman e Dondi Born, per esempio, puntano su un dettaglio frufru come un fiocco che spunta proprio sulla spalla, il primo declinandolo in un rosso acceso, il secondo in un seducente nero. Johanna Ortiz, invece, che ha fatto delle maxy ruches il suo marchio di fabbrica, le propone anche nella capsule collection nata in collaborazione con H&M. Orli stondati e fiorellini di plastica sono invece i particolari abbellimenti che rendono unica la creazione Marysia. Gucci mescola logo mania, animalier e colori accesi, per un costume da bagno degno delle star più cool. Sono le stampe floreali le vere protagoniste dei modelli Peony e Alessandra Miro. Il primo con romantici disegni acquerellati, il secondo di ispirazione decisamente rétro. E per le notti più glam, il one-piece di Lisa Marie Fernandez, con fili metallici, sarà il look perfetto per brillare come una stella.

Scoprite la nostra selezione nella gallery dedicata ai costumi interi monospalla della Primavera Estate 2020. Non c'è star che non l'abbia indossato: Kendall e Kylie Jenner, Emily Ratajkowski e le sorelle Kardashian sono solo alcune delle star che hanno fatto di questo one-piece una vera mania. Ecco la nostra selezione con i modelli da instagrammare.

ZimmermannZimmermannJOHANNA ORTIZ x H&MJOHANNA ORTIZ x H&MMarysiaMarysiaPeonyPeonyGucciGucciJohanna OrtizJohanna OrtizLisa Marie FernandezLisa Marie FernandezAlessandra MiroAlessandra MiroPull&BearPull&BearDondi BornDondi Born


Continua a leggere

Il mondo delle candele profumate ha a che fare con il beauty, certo, ma anche con l'ambiente. Dove per “ambiente” intendiamo sì la casa, ma anche e soprattutto il mondo in cui viviamo e l'aria che respiriamo.

Home Sweet Home
Profumatori ambiente: quello giusto per ogni stanza
Per ogni stanza, la giusta fragranza. Rilassante in camera, energizzante nella zona living, fresca o voluttuosa nel bagno, stimolante nella zona dedicata al lavoro o allo studio. Ecco la guida definitiva alla scelta dei profumatori ambiente (ma anche candele e spray) per la casa. Perché il benessere è anche una questione di olfatto

Forse non tutti sanno che le candele profumate, mentre bruciano, potrebbero emettere - oltre alla fragranza - anche sostanze chimiche tossiche come toluene e benzene, che possono irritare i polmoni. 

E da qui inizia la storia di Rodrigo Garcia Alvarez che, attraverso Amen, cerca un'alternativa tanto bella quanto sicura. Nasce così Amen una collezione di candele a base di cera d'olio naturale vegana, non tossica che unisce sostenibilità e altissima ricerca olfattiva e di design. 

Se da una parte le candele sono fatte a mano a Grasse in Francia (considerata da sempre la capitale mondiale del profumo), dall'altra il vaso che contiene la candela è in porcellana e realizzata nella leggendaria Limoges, che produce ceramiche dalla fine del XVIII secolo. 

E le fragranze? Anche qui nulla è lasciato al caso. Rodrigo Garcia Alvarez ha abbracciato completamente l'aromaterapia, producendo 7 profumi, uno per ciascuno dei chakra. La collezione sarà completa dei suoi 7 CHAKRA in autunno con 4 nuove essenze.

Le essenza sono state selezionate con i principali Yoga Meccas e Guru di tutto il mondo per creare essenze pure che aiutino i nostri chakra ad allineare corpo, mente e anima in equilibrio:

Il terzo occhio : JAZMIN

Il cuore : ROSES

Le radici : VETIVER

Tutte è tre sono al momento disponibili in Italia da Corso Como 10 a Milano



Continua a leggere

Gli effetti del lockdown non sono stati solo negativi, il cambiamento drastico delle nostre abitudini ci ha portato anche a risparmiare ingenti somme di denaro. Sono molte le donne che, a quarantena finita, hanno capito di poter fare a meno di una serie di prodotti, dai trucchi ai vestiti per bambini, fino ad arrivare alla tintura del parrucchiere.Continua a leggere

Continua a leggere

Per celebrare il Cary Grant sconosciuto ai più, Oliver Peoples presenta una nuova collezione di occhiali da uomo, sole e vista, ispirati allo stile dell'attore nella sua vita privata.

La rinnovata collaborazione con il Cary Grant Estate, la prima dell'organizzazione con un marchio commerciale, ha dato vita a due modelli disponibili in cinque esclusive colorazioni. Inoltre, i modelli di successo della prima capsule collection Oliver Peoples Cary Grant, presentata nel 2019, sono stati aggiornati con nuove combinazioni cromatiche.

Le nuove montature, Cary Grant II e Cary Grant II Sun, traducono lo stile più personale dell'attore in un design ricercato e senza tempo che unisce il gusto della Hollywood anni Cinquanta e Sessanta con lo stile rilassato che ha da sempre contraddistinto l'attore.

“Penso che Cary riuscisse a trasmettere molte delle meravigliose caratteristiche nella recitazione,” afferma la moglie Barbara Grant Jaynes, “nei suoi occhi si riusciva a vedere la sua luce autentica.” “Ma emergevano sempre anche la sua gentilezza, la sua signorilità e il suo humour,” aggiunge la figlia Jennifer Grant.

“L’intenzione di Oliver Peoples era creare un’evoluzione del design iniziale continuando però a rendere omaggio allo stile senza tempo di una tra le star di Hollywood più iconiche di sempre,” spiega Giampiero Tagliaferri, Creative Director di Oliver Peoples. “Ne è nata una montatura combinata che incarna lo spirito della Hollywood degli anni Cinquanta e Sessanta, la silhouette fondamentale del cinema e della TV dell’epoca, mantenendo un’attitudine rilassata, proprio come appariva sempre Cary Grant. È espressione di un’eleganza disinvolta, tipica di Grant e della California: un look tanto unico quanto naturale.”

Pur facendo riferimento a un periodo specifico della storia della moda, la collezione appare attuale grazie al design senza tempo. L’accostamento dell’acetato al metallo dei cerchi valorizza le proporzioni misurate della montatura. Il monogramma CG, ispirato alla carta da lettere dell’attore, contraddistingue discretamente tutti i modelli sul finale dell'asta.

I migliori baci nella storia del cinema
La carne e il diavolo, Greta Garbo e John Gilbert, 1926
La carne e il diavolo, Greta Garbo e John Gilbert, 1926
Rex FeaturesVia col Vento, Clark Gable e Vivien Leigh, 1939
Via col Vento, Clark Gable e Vivien Leigh, 1939
Rex FeaturesPhiladelphia, Cary Grant e Katharine Hepburn, 1940
Philadelphia, Cary Grant e Katharine Hepburn, 1940
Rex FeaturesNotorious, l'amante perduta, Ingrid Bergman e Cary Grant, 1946
Notorious, l'amante perduta, Ingrid Bergman e Cary Grant, 1946
Rex FeaturesLa vita è meravigliosa, Donna Reed e James Stewart, 1946
La vita è meravigliosa, Donna Reed e James Stewart, 1946
Rex FeaturesSabrina, Audrey Hepburn e William Holden, 1954
Sabrina, Audrey Hepburn e William Holden, 1954
Rex FeaturesLilly e il vagabondo, 1955
Lilly e il vagabondo, 1955
Rex FeaturesLa valle dell'Eden, Julie Harris e James Dean, 1955
La valle dell'Eden, Julie Harris e James Dean, 1955
Rex FeaturesDa qui all'eternità, Burt Lancaster e Deborah Kerr, 1958
Da qui all'eternità, Burt Lancaster e Deborah Kerr, 1958
Rex FeaturesA qualcuno piace caldo, Tony Curtis e Marilyn Monroe, 1959
A qualcuno piace caldo, Tony Curtis e Marilyn Monroe, 1959
Rex FeaturesColazione da Tiffany, George Peppard e Audrey Hepburn, 1961
Colazione da Tiffany, George Peppard e Audrey Hepburn, 1961
Rex FeaturesCleopatra, Elizabeth Taylor e Richard Burton, 1963
Cleopatra, Elizabeth Taylor e Richard Burton, 1963
Rex FeaturesNon mandarmi fiori, Doris Day e Rock Hudson, 1964
Non mandarmi fiori, Doris Day e Rock Hudson, 1964
Rex FeaturesStar Wars, L'Impero colpisce ancora, Carrie Fisher e Harrison Ford, 1980
Star Wars, L'Impero colpisce ancora, Carrie Fisher e Harrison Ford, 1980
Rex FeaturesSuperman II, Christopher Reeve e Margot Kidder, 1980
Superman II, Christopher Reeve e Margot Kidder, 1980
AlamyBlade Runner, Harrison Ford e Sean Young, 1982
Blade Runner, Harrison Ford e Sean Young, 1982
Rex FeaturesBreakfast club, Judd Nelson e Molly Ringwald, 1985
Breakfast club, Judd Nelson e Molly Ringwald, 1985
Rex FeaturesDirty dancing, Patrick Swayze e Jennifer Grey, 1987
Dirty dancing, Patrick Swayze e Jennifer Grey, 1987
Rex FeaturesLa storia fantastica, Cary Elwes e Robin Wright, 1987
La storia fantastica, Cary Elwes e Robin Wright, 1987
Rex FeaturesGhost, Demi Moore e Patrick Swayze, 1990
Ghost, Demi Moore e Patrick Swayze, 1990
Rex FeaturesPapà, ho trovato un amico, Macaulay Culkin e Anna Chlumsky, 1991
Papà, ho trovato un amico, Macaulay Culkin e Anna Chlumsky, 1991
Rex FeaturesRomeo + Giulietta di William Shakespeare, Claire Danes e Leonardo DiCaprio, 1996
Romeo + Giulietta di William Shakespeare, Claire Danes e Leonardo DiCaprio, 1996
Rex FeaturesTitanic, Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, 1997
Titanic, Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, 1997
Rex FeaturesVi presento Joe Black, Claire Forlani e Brad Pitt, 1998
Vi presento Joe Black, Claire Forlani e Brad Pitt, 1998
Rex FeaturesIl giardino delle vergini suicide, Josh Hartnett e Kirsten Dunst, 1999
Il giardino delle vergini suicide, Josh Hartnett e Kirsten Dunst, 1999
AlamyCruel intentions, Selma Blair e Sarah Michelle Gellar, 1999
Cruel intentions, Selma Blair e Sarah Michelle Gellar, 1999
AlamySpiderman, Tobey Maguire e Kirsten Dunst, 2002
Spiderman, Tobey Maguire e Kirsten Dunst, 2002
Rex FeaturesAnche tua madre, Diego Luna, Maribel Verdu e Gael Garcia Bernal, 2002
Anche tua madre, Diego Luna, Maribel Verdu e Gael Garcia Bernal, 2002
AlamyLe pagine della nostra vita, Ryan Gosling e Rachel Mcadams, 2004
Le pagine della nostra vita, Ryan Gosling e Rachel Mcadams, 2004
Rex Features2046, Zhang Ziyi e Tony Leung, 2004
2046, Zhang Ziyi e Tony Leung, 2004
Rex FeaturesOrgoglio e pregiudizio, Keira Knightley e Matthew MacFadyen, 2005
Orgoglio e pregiudizio, Keira Knightley e Matthew MacFadyen, 2005
Rex FeaturesHarry Potter e l'ordine della fenice, Daniel Radcliffe e Katie Leung, 2007
Harry Potter e l'ordine della fenice, Daniel Radcliffe e Katie Leung, 2007
AlamyThe millionaire, Dev Patel e Freida Pinto, 2009
The millionaire, Dev Patel e Freida Pinto, 2009
Rex FeaturesA single man, Tom Ford e Colin Firth, 2010
A single man, Tom Ford e Colin Firth, 2010
AlamyDrive, Carey Mulligan e Ryan Gosling, 2011
Drive, Carey Mulligan e Ryan Gosling, 2011
Rex FeaturesLa vie d'Adele, Adele Exarchopoulos e Lea Seydoux, 2013
La vie d'Adele, Adele Exarchopoulos e Lea Seydoux, 2013
AlamyBirdman, Emma Stone e Edward Norton, 2014
Birdman, Emma Stone e Edward Norton, 2014
Rex Features50 sfumature di grigio, Dakota Johnson e Jamie Dornan, 2015
50 sfumature di grigio, Dakota Johnson e Jamie Dornan, 2015
Rex FeaturesAmerican honey, Sasha Lane e Shia LaBeouf, 2016
American honey, Sasha Lane e Shia LaBeouf, 2016
Rex FeaturesChiamami col tuo nome, Timotheé Chalamet e Armie Hammer, 2017
Chiamami col tuo nome, Timotheé Chalamet e Armie Hammer, 2017
Landmark Media

Le colorazioni dei nuovi occhiali da uomo sono state selezionate dalla famiglia Grant, confermando il peculiare acetato tartaruga Grant, creato in esclusiva per la linea.

Per celebrare la collezione e l'unione tra passato e presente, Oliver Peoples ha presentato una serie di illustrazioni ispirate ai magazine di moda anni ‘40 e ’50, ritraendo Cary Grant con i nuovi occhiali da uomo. Le immagini raccontano come l'attore avrebbe indossato queste montature con il suo stile disinvolto: una camicia fresca, pantaloni di lino e gli occhiali da sole perfetti.

Instagram @oliverpeoples
Instagram @oliverpeoples

I modelli Cary Grant II sono disponibili a partire dalla seconda settimana di giugno.



Continua a leggere


X

privacy