.
CONTACT US sitemap

Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Il 21 giugno è lo Yoga Day 2019, la Giornata Internazionale dello Yoga, e in tutto il mondo si terranno eventi dedicati a questa antica disciplina, tra cui un grande raduno a Milano a Parco Sempione, organizzato da Yoga Festival. Se siete appassionati di yoga e volete approfondirne la conoscenza, abbiamo selezionato per voi i migliori libri sullo yoga, tra manuali, biografie di illustri maestri e grandi classici, adatti agli esperti e a chi ha appena iniziato o vuole iniziare a fare yoga.Continua a leggere

Continua a leggere

L'origano è conosciuto soprattutto come pianta aromatica da utilizzare in cucina, si tratta però di una pianta che ha molte proprietà benefiche e curative. In particolare, l'olio essenziale di origano svolge un'azione antinfiammatoria, antisettica e antivirale. La sostanza che lo caratterizza maggiormente è il carvacrolo, una sostanza che aiuta a combattere virus e batteri e che conferisce all'olio la sua particolare profumazione. Ma scopriamo di più.Continua a leggere

Continua a leggere

GettyImages-1136752969

Se fino a poco fa le labbra carnose di Angelina Jolie erano il modello per le donne coreane, pare che oggi l’attrice sia stata sostituita dalle ciliegie. Sì, proprio il frutto è diventato il modello per quelle che vengono chiamate “cherry lips”, perché le labbra ne riprendono la forma, in particolare quella di due ciliegie messe in verticale con gli steli verso l’esterno.

GettyImages-1083657820

Una tendenza che comunque ha dato un aspetto più naturale alla bocca, perché consiste nel rempire con filler di acido ialuronico solo la parte centrale, senza effetto rimpolpante totale. “Le chiamiamo cherry lips perché le labbra non sono volumizzate agli angoli esterni, ma puoi vedere le due aree che sono piene in alto e in basso”, spiega Kang Jong Bum, capo dermatologo della JY Plastic Surgery & Dermatology di Seul. “I coreani sono fortemente motivati ​​dal desiderio di rimanere giovani“, spiega. “Le cherry lips danno un aspetto più pieno e giovanile”.

GettyImages-1061757704

 

Claire Chang, dermatologa cosmetica presso la Dermatologc Laser Clinic di New York, paragona la tendenza coreana a quella di riempimento delle labbra ad arco di Cupido più diffusa negli Stati Uniti, che accentua l’area V al centro delle labbra con microgocce di riempimento. “Il concetto di labbra alla ciliegia non si limita alla Corea, come anche donne e uomini a New York sono alla ricerca di labbra più corpose”, spiega Claire Chang. Le cherry lips aggiungono una definizione più arrotondata all’area dell’arco di Cupido ed echeggiano la stessa forma sul labbro inferiore, mentre il riempitivo per le labbra di Cupido ha un aspetto più elegante solo sul labbro superiore, alla Rihanna.

L'articolo Le labbra adesso si portano a forma di ciliegia sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Julianne HoughJulianne HoughMiley CyrusSienna MillerAnja RubikJaime KingOlivia PalermoJulianne HoughCandice SwanepoelKeira KnightleyIsabeli FontanaIsabeli FontanaRita OraGigi HadidSarah Jessica ParkerLily CollinsAlexa ChungJulianne HoughJulia RobertsOlivia PalermoLily CollinsJessica AlbaJulianne MooreJulianne HoughCaroline Receveur

Si chiamano “beach waves”, ma sono perfette tutto l’anno e non solo al mare o in vacanza, ma anche in città, per uno stile urban chic. Sono le onde non troppo perfette e molto naturali che, come suggerisce il termine, sembrano quelle che si portano in spiaggia, magari dopo avere fatto un bagno e aver asciugato i capelli al naturale, adatte sia ai tagli lunghi che medi e a ogni situazione o stile, casual, bon ton o più easy. Perfette anche per dare nuova vita al solito look, le onde effetto beach rappresentano il compromesso ideale e la scelta obbligata per ottenere volume e movimento insieme. Insomma, onda su onda e l’acconciatura prende tono e definizione.

Miley Cyrus

Miley Cyrus

Un’altra caratteristica delle beach waves è che sono facili da realizzare e infatti donano quello stile “unbrushed” ma controllato”, hair trend che, lentamente, si sta imponendo da qualche stagione e che promuove il ritorno a look semplici, imperfetti ma spontanei, chiome da toccare e da spettinare e soprattutto bisognose di pochi prodotti. Come le beach waves, irregolari, ma soprattutto morbide, con un effetto messy variamente regolato e che necessitano di uno styling decisamente minimal, ma che si prestano anche a lavorazioni più sofisticate, pur nel rispetto dello stile free e spesso con radici stirate per creare un certo contrasto tra volume e morbidezza, alleati perfetti di questo hair look!

Sienna Miller

Sienna Miller

Oltretutto, la tecnica che un tempo si utilizzava per realizzare chiome ricce, oggi diventa molto più naturale e non aggressiva, perfetta non tanto per ottenere ricci molto definiti e quasi crespi, bensì acconciature a onde molto naturali e morbide, dal risultato duraturo. E da provare questa estate c’è T-Slalom by Screen, un’ondulazione biologica da effettuare in salone con una tecnica eseguita a mani libere, per rendere il capello naturalmente mosso. Insomma, il modo più sicuro e comodo per dire addio a ferri e bigodini. “T-Slalom nasce dall’esigenza del cliente finale di avere i capelli mossi in maniera naturale. Ha tempi di posa brevi, un effetto duraturo e non ha niente a che fare con i vecchi sistemi utilizzati fino ad oggi per ondulare i capelli, come ad esempio lunghe pieghe con i ferri etc. T-Slalom, infatti, libera la donna dallo stress di attrezzi e bigodini” spiega Rocco Blasioli, Artistic Director Screen Professional Hair Care.

Anja Rubik

Anja Rubik

Di cosa si tratta? In pratica, di un’ondulazione biologica da eseguire in salone che rende la chioma morbida e setosa: “Sono due le modalità di utilizzo: per realizzare una piega con prodotti di supporto (mousse, gel) o per dare sostegno alla piega, facendola durare più a lungo. Serve anche per mantenere e supportare il riccio, addolcendo il crespo e contrastando l’umidità”, spiega ancora Biasioli. Che aggiunge come il risultato dura nel tempo, dai 3 ai 4 mesi, in base alla tipologia del capello, quindi perfetto per tutto il periodo estivo, perché consente di dare movimento ai capelli medi e lunghi in modo naturale e duraturo, senza dover utilizzare phon, piastre e ferri o bigodini, spesso un ingombro da portare in vacanza e che con il caldo si desidera poter non utilizzare. L’unico prodotto da utilizzare per dare più sostegno al movimento è la Nutricare nourishing mousse leave-in Screen Hair Repair, la mousse nutritiva, ottima come trattamento di mantenimento per capelli normali e spessi e per chi ama la texture soffice di una spuma leave-in. Nutre in profondità, lucida il capello e dona sostegno alle onde.

L'articolo Beach waves, le onde perfette per l’estate, anche in città sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Schermata 2019-06-18 alle 17.18.41

L’idea è dell’hair salon londinese specializzato in treccine Keash: perchè non dare un twist diverso all’acconciatura del week-end applicando sui capelli cristalli colorati e decorazioni luccicanti a formare scritte, simboli oppure slogan? Semplice ma d’effetto e anche semplice da realizzare: bastano infatti dai quindici ai trenta minuti per i design più complessi. Il salone è specializzato anche in hair tattoo temporanei disponibili persino in versione glow-in the dark. Se avete in programma un viaggio nella capitale Inglese e avete voglia di sperimentare con un look diverso non avrete che l’imbarazzo della scelta.

L'articolo L’illuminante ora si porta persino tra i capelli sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Appena concluse le tappe italiane del Divide Tour di Ed Sheeran - che l’ha portato a esibirsi sui palchi di Firenze e Roma per finire alla stadio San Siro di Milano il 19 giugno – il cantante di Perfect ha deciso di rendere il tour indimenticabile con un nuovo tatuaggio. «San Siro, questo è il più grande concerto che abbia mai fatto in Italia» aveva preannunciato prima dell’ultima tappa italiana e qualche ora più tardi Ed Sheeran ha voluto immortalare l’esperienza facendosi tatuare dall’artista italiano Carloxid, su Instagram @carloxid, tra i tatuatori italiani più amati dalle star, da Justin Bieber a Belén.

Carloxid con Ed Sheeran

Carloxid con Ed Sheeran

«Ci siamo trovati alle 4 del mattino a Milano in una sorta di backstage dopo un concerto incredibile per fare il tatuaggio: una scritta con piccoli simboli geroglifici con dei significati che lui attribuisce ai suoi amici e ai suoi valori», ci racconta Carloxid che ha il suo negozio di tatuaggi a Riccione, in viale Ceccarini. A portare il cantante da lui è stato Steve Forrest, l’ex batterista dei Placebo: «Ci siamo conosciuti anni fa a Londra quando tatuavo in uno studio vicino Camden Town e siamo rimasti in contatto. Un giorno mi ha scritto che Ed Sheeran andavo pazzo per i miei tatuaggi e che avrebbe voluto farsi tatuare da me in occasione del tour in Italia, come ricordo, così abbiamo organizzato l’incontro».

Quello appena fatto è solo l’ultimo dei tattoo di Ed Sheeran, tra gli artisti più tatuati. «Mi ha raccontato la storia di alcuni dei suoi tatuaggi più belli: per esempio, il puzzle colorato rappresenta tutte le persone più care le amicizie più belle e ha intenzione di aggiungere pezzi per riempire tutta l’area. Un altro divertente che ricordo è Pingu, il cartone animato inglese, che mi ha detto di averlo fatto insieme a Harry Styles, che ne ha uno uguale. Poi ne ha tanti legati alle sue canzoni, come il mappamondo che si è tatuato quando la sua musica è diventata globale, e tra i più recenti mi ha mostrato una fenice, che gli dà speranza», continua Carloxid. «Ed è timido e molto umile e per me è stata un’esperienza davvero molto emozionante».

L'articolo Ed Sheeran, un nuovo tatuaggio per ricordare il tour in Italia sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Alessandro BorghiAlessandro BorghiDaria D'AntonioNancy BrilliLudovica NastiJill MorrisFranco NeroDamiano e Fabio D'InnocenzoArturo MuselliAlessandro Cremonini, Lisa Nur SultanMarco BellocchioEzio Bosso

Borghi c’è, c’è sempre. E sorride. Ed è gentile con i giornalisti, generoso con i colleghi (“essere candidato insieme a Favino per me è un onore“), attento a quello che succede fuori dalla bolla della celebrità (in questi giorni, il caso del Cinema America). Borghi c’è e vince quasi sempre.

Negli ultimi mesi, per il film Sulla mia pelle, in cui interpreta Stefano Cucchi ha vinto un David di Donatello, un Ciak d’oro, è candidato ai Nastri d’argento e l’altra sera, durante un super ricevimento offerto da Jill Morris, ambasciatore inglese a Roma (la prima donna a ricoprire questo ruolo), Borghi si è portato a casa anche il Globo d’oro, prestigioso premio assegnato dall’Associazione Stampa Estera, cioè dai giornalisti stranieri che vivono in Italia. Il film ha ricevuto un premio anche come miglior sceneggiatura (ad Alessandro Cremonini e Lisa Nur Sultan).

Oltre a Borghi come miglior attore, hanno ricevuto il Globo Marco Bellocchio, regista del Traditore (che, tra l’altro, ha superato i 4 milioni d’incasso) e Jasmine Trinca per il film Croce e delizia. Premi speciali e alla carriera sono andati al musicista Ezio Bosso e alla coppia Franco Nero e Vanessa Redgrave, due grandi attori che, anche nella vita privata, sono un po’ il simbolo dell’amicizia Italia- Inghilterra. Si sono conosciuti su un set e innamorati, hanno avuto un figlio e si sono lasciati, per sposarsi poi nel 2006 a 50 anni di distanza dal loro primo incontro.

Il premio per la miglior opera prima è andato a Bangla di Phaim Bhuiyan, quello per la miglior fotografia a Daria D’Antonio per Ricordi?. Premiata anche la fiction d’autore (e di qualità). Miglior serie Il nome della rosa e miglior attrice debuttante Ludovica Nasti de L’amica geniale.

L'articolo Alessandro Borghi, sex symbol col cuore sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Foto: InstagramDIORFoto: InstagramDIEGO DALLA PALMAFoto: InstagramRIMMELFoto: Instagram& OTHER STORIESFoto: InstagramDEBORAHFoto: InstagramWAKE UP COSMETICSFoto: InstagramKERATIN PLUS di MY NAILSFoto: InstagramOPIFoto: Instagram
Foto: Instagram

Foto: Instagram

Pensate a una tonalità viola tendente al rosa e come risultato avrete il fucsia! Un colore stravagante, energizzante, perfetto – soprattutto in versione fluo – per chi non vuole passare inosservata!

Sceglierlo non è semplicemente un fatto di eccentricità; per qualcuno è una moda del momento sulla scia del Millennial Pink, per altri una sorta di “filosofia” di vita improntata su buonumore e cromoterapia. Sì, perché se c’è un colore che davvero infonde vivacità, bellezza e persino un tocco di eleganza fuori dagli schemi quello è proprio il fucsia!

Sarà per questo che, nel 2019, si riconferma colore cult dell’estate, popolare per gli outfit ma anche come scelta di smalto più up-to-date!

Ecco allora, la nostra mini guida per indossarlo al meglio; e una gallery di manicure e prodotti da cui prendere spunto!

L'articolo Unghie estive 2019: rosa fluo e fucsia sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Luce blu, stress, tech neck. Il tempo speso a guardare smartphone e tablet è sempre più spesso inversamente proporzionale al proprio benessere. Una nuova ricerca però suggerisce una conseguenza ben più preoccupante di rughe sul collo e occhi stanchi: secondo uno studio pubblicato su Scientific Reports lo scheletro umano si starebbe adattando alla posizione della testa china sullo smartphone facendo crescere nei giovani adulti una protuberanza occipitale esterna sulla nuca, una specie di corno alla base del cranio con cui la natura verrebbe in soccorso della pressione indotta dalle ore passate ingobbiti sul telefono.

Getty Images

Getty Images

In particolare la ricerca dei due studiosi – David Shaha e Mark G.L. Sayers – nota che le crescite di questi speroni ossei sul cranio sono più frequente nelle persone di età compresa tra i 18 e i 30 anni, sostenendo quindi un rapporto di causa-effetto con l’uso dello smartphone. Gli esperti però danno allo studio recensioni molto contrastanti: quelle più critiche fanno notare che la ricerca si basa sull’osservazioni di raggi X fatti in passato su persone che lamentavano dolori al collo e manca di un gruppo di controllo.

«Noi ipotizziamo che l’uso di tecnologie e dispositivi portatili possa essere il principale responsabile di queste posture e del successivo sviluppo di robuste caratteristiche craniali adattive nel nostro campione », hanno scritto i ricercatori. Molti dottori sono d’accordo sul probabile futuro sviluppo di cambiamenti artritici come malattie degenerative del disco o disallineamenti nel collo, ma lo sviluppo di corna sembra ai più abbastanza improbabile. Insomma, i motivi per correggere la postura e ridurre le dosi giornalieri di scroll social non mancano, ma lo sviluppo di corna non è (ancora) tra questi.

L'articolo L’uso dello smartphone ci sta facendo crescere le corna? sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

lesrochesrouges_54512331_345281789454544_6185543413027163755_n

Un ristorante stellato, La Terrasse, una Spa che propone trattamenti per il corpo all’avanguardia e una piscina a sfioro vista mare: sono solo alcuni dei vantaggi che vi aspettano se decidete di passare un finesettimana nell’Hotel Les Roches Rouges. A metà strada tra Cannes e Saint Tropez, è una struttura cinque stelle in stile modernista che omaggia negli arredi il gusto provenzale, circondata da un giardino di tamerici, lavanda, mimose e alberi di fico. Un vero paradiso con una vista mozzafiato, che vi farà sognare, anche solo guardandone le immagini del profilo Instagram.

L'articolo L’hotel sul Mediterraneo perfetto per un week-end rilassante sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Paola Iezzi (foto di Paolo Santambrogio, hair and mup Letizia Maestri, abito Etro)

Paola Iezzi (foto di Paolo Santambrogio, hair and makeup Letizia Maestri, abito Etro)

A otto anni cantava già, intonatissima, nel coro della chiesa di quartiere, lo stesso dove vive ancora oggi e dove mi ha dato appuntamento, in un bar all’angolo, durante un orario di scarsa affluenza.

A 22 anni ha inciso il primo disco,  a 23 ha partecipato a Sanremo. Succedevano, tutte queste cose, in tandem con Chiara, la sorella da cui la divide un solo anno di differenza. Dopo una lunga carriera e tanti successi insieme, hanno preso strade diverse. E, benché in molti continuino a chiedere un ritorno della coppia, manco fossero Al Bano e Romina, Paola sembra avere idee precise in materia. Il progetto con Chiara è finito, il presente è il nuovo singolo Gli occhi del perdono, già diventato una hit.

Perdonare chi? «La canzone è un invito a perdonare soprattutto se stessi per gli errori commessi. Arriva un momento, a una certa età, in cui si fanno dei bilanci. Il passato non torna, tanto vale perdonarsi per evitare errori in futuro».

La canzone dice anche “vogliono sapere perché diavolo stai male“. «Ho sentito addosso la curiosità della gente come una piovra».

Cose che capitano quando si è famosi. «No, ormai, possono capitare a tutti. Siamo tutti on stage, siamo l’uno il pubblico dell’altro: amici, follower, un’unica comunità, viviamo in un grande condominio senza tende e ci spiamo a vicenda. Quindi, ogni tanto, bisogna prendere le distanze».

Hai sofferto per amore? «Qualche momento di turbolenza. Da 13 anni sto con Paolo (Santambrogio, fotografo, ndr) e, nel vivere in equilibrio con lui, ho capito quanto sia sbagliata la cultura dell’amore nel nome del quale si fa di tutto, anche le peggiori cattiverie e nel nome del quale si soffrono i peggiori patimenti. Non ci si deve annullare per amore, non si può giustificare tutto romanticamente».

Eppure le donne tendono al masochismo. «Altroché! Il momento masochista arriva sempre, l’ importante è che sia un momento, poi bisogna crescere».

Tu e Paolo non avete figli. «Una scelta. I figli necessitano di spazio e tempo, spazio e tempo che ho conquistato per me e a cui non voglio rinunciare. Egoista? Forse. Però non potrei mai fare la mamma senza tutta la dedizione che ritengo necessaria».

Paolo ti fotografa sempre, gli piace la tua musica? «Non esattamente (ride, ndr). E’ uno snob che detesta il pop e che ogni tanto si abbassa a dire che un pezzo di Katy Perry non gli dispiace. Solo gli U2 ci uniscono».

Rispetto a quanto hai iniziato a cantare, nell’industria della musica è tutto cambiato. Che cosa ti manca degli anni Novanta? «Mi manca il fatto che le canzoni, allora, segnavano il tempo. Oggi ce ne sono troppe, ci sono troppi cantanti, troppe immagini, troppo di tutto. E tutto si consuma usa e getta. Bello questo pezzo, lo metto nelle stories e poi via, ciao, avanti un’altra. Lasciare il segno è quasi impossibile».

Hai mai pensato di mollare e fare un altro lavoro? «Tante volte. Perché la musica è bella ma la rincorsa al successo, l’insicurezza, la fragilità di questo mondo pieno anche di persone non sempre affidabili, richiede grandissima stabilità mentale. Anzi, come cantava Luca Carboni, ci vuole un fisico bestiale».

E tu ce l’hai? «Ci provo. Sono una persona molto lucida e terrena, con senso pratico. Io so che tra un buon pezzo e il fatto che questo possa dominare le classifiche c’è di mezzo l’inferno. Ci sono mille dinamiche diverse per cui se adesso Gli occhi del perdono è al secondo posto dopo Jovanotti su Itunes e al primo nella classifica dance io sono felicissima ma non do niente per scontato».

Donna forte? «Calma, stiamo easy e serene, non esageriamo nell’agitare questo vessillo della donna forte a tutti i costi».

Ma perché, che male c’è? «Temo il ghetto delle donne. Se ci arrocchiamo gli uomini continueranno a vederci come delle rompiballe».

Insomma, dobbiamo esser più furbe? «No, dobbiamo smettere di ragionare in termini di genere. Siamo persone».

Paola Iezzi (foto di Paolo Santambrogio, hair and make up Letizia Maestri, camicia bianca Pinko)

Paola Iezzi (foto di Paolo Santambrogio, hair and make up Letizia Maestri, camicia bianca Pinko)

 

 

 

 

L'articolo Paola Iezzi: «Non pronunciate il nome dell’amore invano» sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

petiue_49484205_614407185677199_4241510505038384095_n

Lo ha inventato il brand americano Petitue (che lo ha persino brevettato): è uno stick spf 50 che si applica su zigomi, naso, arco di cupido e contorno occhi e, alla fine di una giornata passata al sole, regalerà l’illusione di un viso scolpito e illuminato senza l’utilizzo di alcun prodotto make-up. L’intuizione rivoluzionaria è venuta a Jessie Andrews, ex star di film per adulti traformatasi in Ceo di successo, celebre anche per il brand di bijoux preferito dalle sorelle Jenner e Hadid, Bagatiba e per la linea di costumi minimal Basic Swim.

L'articolo L’illuminante che raddoppia come protezione solare sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

George Clooney nel 1985George Clooney oggiJavier Bardem nel 2002Javier Bardem oggiDavid Beckham nel 1980David Beckham oggiCristiano Ronaldo nel 2006Cristiano Ronaldo oggiShia LaBeouf nel 2007Shia LaBeouf oggiKeanu Reeves nel 1990Keanu Reeves oggiJoshua Jackson nel 1999Joshua Jackson oggiDaniel Craig nel 2002Daniel Craig oggiMatthew McConaughey nel 1997Matthew McConaughey oggiRobert Downey Jr nel 1988Robert Downey Jr oggiLuca Argentero nel 2006Luca Argentero oggiGerard Butler nel 2003Gerard Butler oggiTom Hanks nel 1981Tom Hanks oggiElio Germano nel 2005Elio Germano oggiRichard Gere nel 1988Richard Gere oggiDenzel Washington nel 2000Denzel Washington oggiSean Connery nel 1964Sean Connery nel 2003Will Smith nel 1991Will Smith oggiTim Allen nel 1990Tim Allen oggiBrian Austin Green nel 1990Brian Austin Green oggiTobey Maguire nel 1997Tobey Maguire oggi

Succede anche alle donne ma – ahimé – più spesso agli uomini: con il passare degli anni si sfilano alcuni lineamenti, s’impara a capire qual è il taglio di capelli più valorizzante e si centra la dose di barba che dona di più, così invecchiando molti uomini diventano più belli. A dimostrarlo sono molte star over 50, da George Clooney che a 58 anni, complice un improbabile taglio lungo e riccio che aveva in gioventù, è più affascinante di quando ne aveva 20, fino a Javier Bardem e David Beckham, a cui un po’ di barbetta ha regalato una nuova dose di virilità.

Ci sono poi quelle star che non sono ancora arrivate alla soglia dei 50 anni, ma già nei loro 40 promettono di diventare sempre più belli con il passare degli anni: è il caso di attori come Joshua Jackson, che già ci aveva conquistato a 20 anni come Pacey Witter di Dawson’s Creek e a 40 come Cole Lockhart di The Affair è diventato semplicemente irresistibile. Come lui, anche Matthew McConaughey e Gerard Butler, entrambi 49, erano bellissimi ragazzi da giovani e sono uomini forse ancora più belli oggi.

Un capitolo a parte merita poi Keanu Reeves, 54 anni, eletto l’uomo del momento. «Troppo perfetto per questo mondo» secondo il New Yorker e star di una vera “Keanussance” secondo Vogue, l’attore sta vivendo la sua età d’oro. A 30 anni da Bill & Ted e a 20 da Matrix, oltre a un periodo di produzione cinematografica particolarmente molto florido (John Wick 3 – Parabellum, Finché forse non vi separi e Toy Story 4), Keanu Reeves è tornato al centro dell’attenzione anche per il suo aspetto fisico, apprezzato forse più di quando era ragazzo.

Lui meglio di tutti simboleggia la rinascita degli over 50, tanto che i suoi fan hanno un piano molto ambizioso per lui: nominarlo persona dell’anno del Time per il 2019. E si sono già messi all’opera con una petizione su change.org!

Getty Images

Getty Images

L'articolo 21 uomini che invecchiando sono diventati più belli sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Ombretti metal e glitter per alzare il volume dello sguardoOmbretti metal e glitter per alzare il volume dello sguardoOmbretti metal e glitter per alzare il volume dello sguardoOmbretti metal e glitter per alzare il volume dello sguardoOmbretti metal e glitter per alzare il volume dello sguardoOmbretti metal e glitter per alzare il volume dello sguardo

YSL-BEAUTE_EYE-EVENT-19_CAM

Ombretto e mascara sono il duo vincente per alzare il volume dello sguardo. «Volumizzare l’occhio vuol ampliarne la forma e dare intensità valorizzando il colore dell’iride. Un trucco con cui giocare dal giorno alla sera», spiega Valter Gazzano, national make-up artist Yves Saint Laurent Beauté.

Ombretto e mascara sono due accessori di make-up che tutte utilizziamo senza particolare sforzo. A renderli d’effetto sono texture, abbinamento, e modalità di applicazione.

COME ALZARE IL VOLUME DELLO SGUARDO CON L’OMBRETTO Gli ombretti metal e glitterati riescono a riflettere la luce e, senza ombreggiare eccessivamente, danno volume allo sguardo. Nella loro texture c’è un concentrato tale di luminosità che basta pochissimo per ampliare l’occhio e ottenere un effetto XXL. «Glitter e metal possono essere abbinati. Si parte dal nero metallizzato della collezione Sequin Crush Mono Eyeshadows di Yves Saint Laurent Beauté che ha un effetto leggero e assume colori diversi in base alla forma dell’occhio e al colore della pelle. Può essere applicato con le dita su tutta la palpebra mobile e poi sfumato sui bordi esterni con il pennello, creando una sorta di smokey eyes», dice Gazzano. «Al nero, poi, si può sovrapporre un colore glitter oro o argento: al centro della palpebra per creare un punto luce, nell’angolo interno nell’occhio, oppure sulla rima cigliare inferiore. Un’altra alternativa è utilizzare un colore metallizzato come il blu scuro o verde e creare un punto luce al centro dell’occhio. La stessa regola può essere seguita anche per il marrone, il blu scuro o il verde: si stende il colore sulla palpebra piena e poi si aggiunge il glitter oro».

COME APPLICARE IL MASCARA Regola numero uno: non siate avare col mascara. Mettetevi davanti allo specchio e, compiendo uno dei gesti più cult che esistano, applicate e riapplicate il mascara socchiudendo leggermente le labbra. «Il Mascara Effet faux Cils va applicato dalle radici delle ciglia, premete leggermente sulla radice e poi con movimento a zig zag andate verso l’alto e pettinatele. Così, lo sguardo si amplifica da 3 fino a 15 volte», spiega Gazzano. «Per completare e aggiungere intensità, applicate il mascara anche nella parte inferiore dell’occhio».

YSL-BEAUTE_EYE-EVENT-19_PH-

Mascara Volume Effet Faux Cils di Yves Saint Laurent Beuaté

 

GIOCHI DI COLORE Il mascara nero è un classico, ma anche il match mascara colorato + ombretto, regala una dose di volume extra. Ecco gli abbinamenti: 1) Ombretto nero con glitter blu +mascara blu scuro o prugna 2) Ombretto rame e glitter oro + mascara prugna 3)ombretto marrone metal + mascara bluette 4) Ombretto glitter + mascara colorato blu scuro superiore e bluette nella parte inferiore. 5) Ombretto glitter argento + mascara viola

L'articolo Come alzare il volume dello sguardo sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

La tendenza di ogni donna è portare il mondo dentro una borsa, ma questo non è ideale prima di una vacanza, soprattutto in spiaggia.

Vediamo insieme cosa è assolutamente indispensabile quindi! “Essenziale” è la parola d’ordine.

1. Protezione solare. Che sia 50+ o 30+, è assolutamente necessaria, anche per le più scure. Non è bello scottarsi e non potersi poi avvicinare neanche per un secondo al sole senza soffrire. Ne so qualcosa…

Credit: Pinterest

Photo Credit: Pinterest

2. Protezione capelli. Il sole non danneggia solo la pelle ma anche i capelli, conviene sempre usare uno spray protettore.

3. Cappello. Stesso motivo del n.2, ma in aggiunta è anche un accessorio very cool.

Credit: Pinterest

Photo Credit: Pinterest

4. Occhiali da sole. Necessari, io personalmente li uso anche di inverno, non ne posso fare a meno.

20190603_143522512_iOS

Photo Credit: Pinterest

 

5. Asciugamano e altri accessori da mare.

Lista breve ma intensa! E per le appassionate di nuoto, occhialini indispensabili!

Buone vacanze a tutte e mandatemi le vostre foto in spiaggia su instagram!

L'articolo Cosa non lasciare a casa prima di una vacanza al mare sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Il ginseng è un rimedio totalmente naturale, viene ricavato da delle radici di alcune piante perenni presenti in natura, da piantagioni in Asia, Russia e Giappone. Questa radice possiede moltissime proprietà benefiche: proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antidepressive, afrodisiache; agisce inoltre sulla memoria, sulla nostra circolazione e le migliora notevolmente. Ha importanti vitamine, B e C, che aiutano a sostenere il sistema immunitario e il sistema nervoso, è quindi perfetto per combattere lo stress.

Aiuta a ridurre notevolmente il senso di stanchezza ed è indicato anche a chi fa tanto esercizio fisico; inoltre è consigliato il consumo soprattutto durante il periodo invernale perché è raccomandato in caso di abbassamento delle difese immunitarie dell’organismo.

 

Photo credits Pinterest by Facty Health

Photo credits Pinterest by Facty Health

 

Come ogni altro prodotto della natura anche il ginseng è un vero toccasana per la pelle perché è un super antiossidante: basterà infatti applicare mattina e sera una crema a base di ginseng su viso e collo per notare subito delle differenze; la pelle apparirà subito più luminosa e tonica.

Inoltre il trattamento può essere affiancato da capsule vegetali con estratti di ginseng.

Potremmo poi curare anche la pelle del corpo: un rimedio potrebbe essere un olio a base di ginseng e rosa mosqueta che aiuterà a rendere la pelle più elastica ed a combattere le smagliature, da applicare dopo aver fatto la doccia almeno una volta al giorno.

Il ginseng non è solamente utile per la pelle, è ottimo anche per i capelli: viene utilizzato per fare shampoo, lozioni o maschere perché aiuta a rinforzare i capelli, anche quelli che si spezzano facilmente e a renderli molto più morbidi e sani. Questa radice è facilmente reperibile sul mercato, infatti troveremo capsule, integratori o preparati per infusi.

L'articolo Ginseng: una radice dalle molteplici proprietà sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

L’estate è il periodo dei continui bagni in piscina o al mare, dovremmo approfittare della presenza dell’acqua per fare del buon sano sport, proprio perché allenarsi in acqua e molto più facile, piacevole ma anche meno fastidioso perché almeno non soffriamo il caldo!

Fare esercizi in acqua infatti aiuta a tonificare i muscoli; sporte come l’acquagym è inoltre sono adatti a tutti: può essere praticata da bambini, adulti, anziani ma anche da donne in dolce attesa; è super piacevole e i risultati si vedranno già dopo poche lezioni perché aiuta a rimodellare al meglio il nostro fisico, a rendere i muscoli più forti e a tonificare la pelle.

Inoltre grazie alla presenza dell’acqua, aiuta a eliminare la cellulite: riattiva la circolazione ed è consigliato soprattutto per chi ha ritenzione idrica e gonfiori frequenti alle gambe.

Allenarsi in acqua fa bruciare molte più calorie rispetto alla normale palestra, ci stanchiamo di meno, ma l’acqua fa resistenza e automaticamente ci fa faticare di più.

Photo credits Pinterest by gofeminin.de

Photo credits Pinterest by gofeminin.de

Ci sono dei semplici esercizi che possiamo fare da soli quando andiamo in piscina o al mare: prima di tutto per attivare la circolazione e i muscoli bisogna camminare per qualche minuto in acqua almeno fino ai polpacci, poi man mano iniziamo ad entrare in acqua, quindi appena ci arriverà alla pancia potremmo iniziare a fare una piccola corsa sul posto per abituarci, dobbiamo sollevare però per bene le punte dei piedi. Poi potremmo fare diversi tipi di corsa sul posto, per esempio varie ripetizioni portando le ginocchia più in alto grazie all’azione dell’acqua, questo esercizio sarà super semplice. Passiamo poi alle braccia: con l’acqua fino al collo potremmo sollevare le braccia in alto fino all’altezza delle spalle.

Infine potremmo pensare anche ad esercizi per gli addominali, qui non servirà acqua molto alta però è importante, se siamo in piscina, appoggiarci al bordo per aiutarci meglio.

L'articolo A cosa serve fare sport in acqua ? sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere


X

privacy