INTERCOIFFURE MONDIAL Paris
World of Hairfashion and Beauty Business

ÉTUDES DE MARCHÉ


ÉTUDES DE MARCHÉ

LA CORRETTA REGISTRAZIONE DELLA FATTURA PER OMAGGI



Se ricevo da un fornitore una fattura per omaggi/regali priva di importi e con la dicitura "sconto merce", come posso registrare questa fattura? Se non è registrabile, va comunque conservata tra le fatture dei fornitori?

La fattura non va indicata nei fornitori per l'anno in corso. Gli sconti-merce consistono infatti nel riconoscimento (gratuito) al cliente di quantitá aggiuntive di un bene, normalmente oggetto di produzione o di commercio da parte del fornitore, in relazione a determinate operazioni di compravendita.
In base all'articolo 15, comma 1, numero 2 del Dpr 633 del 26 ottobre 1972, il "valore normale" dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono è escluso dalla base imponibile Iva.
L'esclusione è subordinata al soddisfacimento di due condizioni:
  • la cessione dei beni in oggetto deve essere stata prevista dalle originarie condizioni contrattuali, ossia nello stesso contratto di vendita dei beni o servizi cui si riferiscono i beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono;

  • l'aliquota applicabile ai beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono, derivando da una specifica operazione commerciale, sono escluse dall'imponibile Iva, a differenza delle cessioni gratuite, soggette ad imposta secondo la disciplina prevista dall'articolo 2, comma 2, numero 4) del Dpr 633/1972.
    L'erogazione dei premi non ha, infatti, natura di liberalitá, in quanto il valore dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono viene in pratica incluso nel prezzo dei prodotti cui lo sconto o l'abbuono si riferiscono. È per questa ragione che i suddetti premi restano estranei alla disciplina delle cessioni gratuite di beni, di cui all'articolo 2, comma 2, numero 4) del Dpr 633 citato. Lo sconto in natura, presupponendo che, a monte, sia ceduto un bene, deve essere necessariamente parziale; se, invece esso rappresenta il totale del prezzo di vendita, si verifica una cessione gratuita, imponibile a Iva.
Se i beni in oggetto di cessione sono stati utilizzati dal cedente-assegnatario, trova applicazione il regime del margine di cui agli articoli 36 e seguenti del Dl 41 del 23 febbraio 1995, convertito dalla legge 85 del 23 marzo 1995, posto che l'acquisizione del bene, costituendo operazione esclusa dal campo Iva, è assimilabile all'acquisto da privati consumatori. In assenza di un prezzo di acquisto, il margine è costituito dall'intero prezzo di cessione, mentre l'imposta applicata risulta indetraibile per il cessionario, ai sensi dell'articolo 38 del Dl 41/1995.



Tratto da un articolo di "L'ESPERTO RISPONDE" del 9 luglio 2012

X

privacy
Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X